Home Milan News De Laurentiis provoca: “Tifosi scontenti, devo comprare il Milan?”

De Laurentiis provoca: “Tifosi scontenti, devo comprare il Milan?”

Aria tesa a Napoli tra il presidente Aurelio De Laurentiis e la tifoseria. La provocazione del patron azzurro: “In città c’è grande invidia verso il Nord, devo comprare il Milan per accontentarli?”. Poi chiarisce. 

Aurelio De Laurentiis
Aurelio De Laurentiis (©Getty Images)

“Devo comprare il Milan?”. E’ stata questa l’ultimissima provocazione di Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli, ancora in rotta con gran parte della propria tifoseria.

Nonostante i risultati sportivi e un mercato importante anche quest’anno, l’aria tesa persiste. Nemmeno l’arrivo di Carlo Ancelotti è servito per spazzare via l’astio dei tifosi contro il patron partenopeo.

L’ultima conferma è giunta dalla deludente campagna abbonamenti, con appena 10.000 tessere vendute malgrado i maxi sconti attuati dalla società. Ed è stato questo, oltre al mercato, il tasto che ha fatto esplodere un già vulcanico De Laurentiis.

Nel corso di una lunga intervista al Corriere dello Sport, il numero uno azzurro, infatti, non le ha mandate a dire: “Non capisco questo gioco al massacro del tifoso che invece di guardare i gioielli che ha in casa propria, inneggia sempre all’acquisto in più”.

Addirittura quasi procede meglio la campagna abbonamenti del Bari, altro suo club: “Non capisco neanche per quale motivo il Bari in Serie C in proporzione farà più abbonati del Napoli in Serie A. Il tutto dopo aver dirotto il prezzo degli abbonamenti del San Paolo in alcuni settori addirittura del 40% rispetto a 9 anni fa”.

Da lì la bordata: “Se questo vuol dire essere grandi sostenitori del Napoli, permettetemi di sorridere. Purtroppo io credo che nella città di Napoli si viva grande invidia per il nord e che esistano molti tifosi juventini, milanisti e interisti. Dovrei forse comprare il Milan per accontentarli?“. Poi chiarisce subito: “La mia è una provocazione perché amo Napoli più di ogni altra cosa”.

Milan-Emirates, trattativa per il rinnovo: i dettagli