Milan, missione rilancio: 4 gli insostituibili di Giampaolo

Marco Giampaolo vuole tornare a vincere e Genoa-Milan è un’occasione da non fallire. Il mister rossonero si aspetta molto dai suoi fedelissimi, non devono tradirlo.

Marco Giampaolo
Marco Giampaolo (Getty Images)

Sabato partita fondamentale per il Milan, a Genova non si potrà sbagliare. Non solo perché probabilmente c’è in ballo la panchina di Marco Giampaolo, ma soprattutto perché la squadra è chiamata ad una reazione e a vincere.

Contro il Genoa i giocatori hanno l’occasione di dimostrare di essere schierato con il proprio allenatore, di seguirlo e di riuscire ad applicare le sue direttive. L’esonero di Giampaolo in caso di mancata vittoria non è sicuro al 100%, però rimane comunque una possibilità che la dirigenza eventualmente considererà se la prestazione dovesse essere scadente a Marassi.

La Gazzetta dello Sport spiega che il tecnico rossonero cerca degli alleati affidabili tra i calciatori per tornare alla vittoria. Finora ne ha avuti pochissimi. Il più valoroso è stato Gianluigi Donnarumma e il capitano Alessio Romagnoli è stato sempre uno degli ultimi ad arrendersi. Poi Giampaolo crede molto in Hakan Calhanoglu e Jesus Suso, due che finora lo hanno tradito con un rendimento pessimo ma nei quali insisterà anche sabato.

Nel Milan i pochi riferimenti su cui fare affidamento sono stati un problema in questo inizio di stagione. Giampaolo non è ancora riuscito a dare un’identità precisa alla squadra e bisognerà vedere quanto tempo avrà a disposizione per lavorare. Vincere col Genoa sarebbe molto importante.

Il mister spera che i suoi fedelissimi non lo tradiscano e che riescano a trascinare i compagni alla riconquista dei 3 punti. Giampaolo auspica che Donnarumma, Romagnoli, Calhanoglu e Suso riescano ad essere dei leader in grado di spingere il gruppo a dare quel qualcosa che finora è mancato.

Marca – Olmo, in estate tentativo del Milan: il retroscena