Milan, troppo nervosismo nella squadra: già 5 espulsioni

News Milan: qualche cartellino di troppo per i giocatori rossoneri nelle prime sette giornate di campionato. Segnale del grande nervosismo in campo e non solo.

Mateo Musacchio espulso dall'arbitro Giacomelli in Milan-Fiorentina
Mateo Musacchio espulso dall’arbitro Giacomelli in Milan-Fiorentina (©Getty Images)

Un avvio di campionato sicuramente sotto le aspettative per il Milan. Con l’arrivo di Marco Giampaolo, considerato un allenatore abile a far giocare bene le proprie squadre, ci si attendevano prestazioni e risultati migliori.

Niente sembra andare per il verso giusto e neppure la recente ritrovata vittoria contro il Genoa ha migliorato la situazione. Non a caso, si parla di un probabile esonero del tecnico. C’è un po’ troppo nervosismo nell’ambiente rossonero, lo si nota sia in campo che fuori.

Oggi il quotidiano Tuttosport mette in evidenza che i giocatori non sono tranquilli. Un dato eloquente riguarda le espulsioni: già cinque nelle prime sette giornate di campionato. Due di queste hanno riguardato calciatori che erano in panchina e che sono stati cacciati per le eccessive proteste. Pepe Reina contro il Torino e Samuel Castillejo contro il Genoa.

Gli altre cartellini rossi sono inerenti a falli di gioco. Davide Calabria è stato espulso due volte, a Verona contro l’Hellas e sabato a Genova. Due ingenuità del terzino destro rossonero. Invece Mateo Musacchio è stato allontanato dal campo nel match perso a San Siro contro la Fiorentina. Un brutto fallo a centrocampo su Frank Ribery gli è costato caro.

Lo ha detto anche Giampaolo che il Milan non va in campo con la mente libera, ciò comporta errori di diverso tipo. Non solo nelle giocate tecniche, ma anche negli interventi sugli avversari e nelle proteste. Quello rossonero è un gruppo giovane e probabilmente prendere un paio di elementi di esperienza durante il calciomercato estivo avrebbe aiutato a gestire meglio i momenti difficili.

Leao deve essere un titolare: il Milan non può rinunciarci