Il Milan di Pioli: sarà 4-3-3 con Suso fulcro

Milan, ecco come sarà la nuova squadra di Stefano Pioli. Si torna al 4-3-3 con chance per Lucas Biglia, il rilancio di Lucas Paquetá e Suso fulcro centrale. 

Stefano Pioli
Stefano Pioli (©Getty Images)

4-3-3, ripartirà così il Milan di Stefano Pioli. Il modulo preferito della società, quello per cui ha sempre indirettamente spinto in quest’avvio di stagione. Uno schema classico ma rielaborato con variazioni su ogni linea.

Come racconta La Gazzetta dello Sport oggi in edicola, la prima novità sarebbe in difesa. Perché il 53enne emiliano ama una difesa a ‘tre e mezzo’. Ossia con tre marcatori più o meno puri. In questo caso è quindi immaginabile un terzetto composto dagli attuali Davide Calabria, Alessio Romagnoli e Mateo Musacchio.

A sinistra, invece, l’allenatore predilige un esterno che attacchi e che rientri solo in fase di non possesso. Di fatto un’ala aggiunta. Ecco perché Theo Hernandez, autore del primo gol a Genova e giocatore di gamba, è fortemente quotato per la titolarità.

Per quanto riguarda la mediana, Pioli ama il regista. Lo ritiene fondamentale e indispensabile. E quindi occhio a quel Lucas Biglia che potrebbe presto tornare alla ribalta, anche perché il mister lo ha già allenato l’argentino ai tempi della Lazio. Ma in fondo pure Ismael Bennacer non è da sottovalutare, poiché Pioli lo studiò bene consegnando anche delle indicazioni al suo vecchio Ds Pantaleo Corvino.

Come mezzala, invece, l’ex Fiorentina preferisce un uomo di potenza da una parte e un elemento di qualità e inserimento dall’altra. Facile pensare a Frank Kessie e Lucas Paquetá. Il primo farebbe il Jordan Veretout viola, mentre il secondo quel Marco Benassi che con Pioli chiuse il campionato da capocannoniere della squadra toscana. Ma sotto quest’aspetto anche Hakan Calhanoglu e Giacomo Bonaventura hanno chance e caratteristiche adatte: attenzione al triplice ballottaggio.

Per quanto riguarda invece l’attacco, il neo allenatore rossonero vuole una prima punta vera di riferimento. Un bomber capace di capitalizzare le occasioni ma anche a servizio della squadra. La scelta non può che ricadere su Krzysztof Piatek, ma probabilmente dovrà muoversi un po’ in più rispetto alle sue caratteristiche.

I due esterni, invece, dovranno essere molto offensivi e li preferisce a piede invertito. Così Suso sarà proposto sulla sua amata destra, dove potrà rientrare col mancino, mentre dall’altro lato c’è Rafael Leão che parte in prima fila ma occhio anche ad Ante Rebic e Calhanoglu magari riavanzato lì davanti. Suso, prototipo dell’esterno che piace a Pioli, avrà un ruolo centrale in questo nuovo Milan.

Milan, il prescelto è Pioli: incontro decisivo in mattinata