Home Calciomercato Milan Conti, in Milan-Lecce altra chance sprecata: prestito a gennaio?

Conti, in Milan-Lecce altra chance sprecata: prestito a gennaio?

Dopo il derby, Andrea Conti ha avuto una nuova occasione da titolare in Milan-Lecce e non ha convinto neppure stavolta. Per gennaio non va esclusa la cessione.

Diego Farias Andrea Conti
Diego Farias e Andrea Conti (©Getty Images)

Andrea Conti si è messo alle spalle i gravi infortuni che hanno tormentato la sua avventura al Milan nelle prime due stagioni, ma non riesce ancora ad essere il brillante giocatore visto all’Atalanta.

In questo campionato ha avuto due chance da titolare e non le ha sfruttate. La prima nel derby perso contro l’Inter e la seconda domenica a San Siro contro il Lecce. Considerando che la squadra pugliese era un’avversaria assolutamente battibile, ci si aspettava una prestazione diversa dal 25enne di Lecco.

Calciomercato Milan, Conti via a gennaio?

La prova di Conti contro la formazione di Fabio Liverani è sicuramente macchiata dall’episodio del calcio di rigore. Infatti, è stato proprio lui a sbagliare colpendo con il braccio il pallone nell’area del Milan. Una disattenzione che il Lecce ha sfruttato per pareggiare.

Ma anche per il resto il terzino rossonero non ha impressionato. Buona una chiusura in area su Mancosu qualche minuto prima di provocare il penalty, ma anche difficoltà a volte a difendere e imprecisione quando si è spinto in avanti. Le aspettative erano migliori e adesso Andrea rischia di tornare ad essere la riserva di Davide Calabria, un altro che comunque in questa stagione non sta avendo il rendimento atteso.

Da valutare la possibilità che Conti a gennaio venga ceduto con la formula del prestito per consentirgli di giocare con continuità. Già in estate era emersa tale opzione e più società si erano fatte avanti, in particolare il Parma. Nella prossima sessione invernale del calciomercato le discussioni si possono riaprire.

Al numero 12 rossonero forse farebbe bene ripartire da un ambiente con meno pressioni e nel quale essere impiegato con costanza. Ora deve lo stesso cerca di dare tutto e tra due mesi vedremo quale sarà la scelta migliore per lui e per il Milan.

Estudiantes-Milan, 22 ottobre 1969: la partita più sanguinosa di sempre