Milan, ultima chiamata per Suso. Mai così male: i numeri 

Milan-Spal, toccherà ancora a Suso. Ma rischia di essere l’ultima chance: lo spagnolo è in piena crisi e lo confermano anche dei numeri impietosi.

jesus suso
Jesus Suso (©Getty Images)

Milan-Spal, toccherà ancora a Suso. Come infatti riferisce La Gazzetta dello Sport, lo spagnolo, provato titolare in questi ultimi allenamenti a Milanello, va dritto verso la 18a partita consecutiva. L’ultimo stop risale infatti allo scorso 2 aprile contro l’Udinese.

Il motivo è semplice: le alternative non si dimostrano superiori. Né Samuel Castillejo e né Ante Rebic: nessuno di due convince a tal punto Stefano Pioli tanto da provare a cambiare. Entrambi hanno la stima del tecnico, ma, per chi per un motivo o per un altro, ancora non vengono ritenuti più pronti di un Suso versione fantasma.

Tuttavia siamo all’ultima chiamata o quasi. Tra i più fischiati dal San Siro contro il Lecce, i numeri inchiodano l’attaccante senza possibilità di replica. Contro i pugliesi è infatti colui che ha sbagliato più dribbling con 11 errori, ma anche quello che ha perso più palloni, 32, e vinto meno tackle: 2 su 7.

A Roma non ci sono stati segnali di ripresa: oltre a perdere altri 12 palloni, non si segnalo dribbling riusciti. Inoltre, rispetto allo stesso periodo della scorsa stagione, si è anche più che dimezzato il conto dei tiri in porta: 17 un anno fa, appena 7 quest’anno. Nemmeno uno a partita. In tre anni e mezzo di Diavolo non era mai arrivato a questo punto del campionato senza aver realizzato nemmeno un goal.

Eppure le chance di certo non sono mancate. Oltre al filotto di gare consecutive, l’ex Liverpool ha avuto a disposizione anche un minutaggio enorme per incidere come dovrebbe: 861 minuti. Dopo Alessio Romagnoli è il rossonero con più presenze. Il perché lo ha spiegato direttamente il tecnico: “Non ho promesso niente a nessuno e non ho fatto compromessi. Suso gioca finché mi darà più garanzie degli altri, quando non sarà più così giocherà un altro”. Ma ora, probabilmente, siamo agli sgoccioli: o svolta o panchina.

Milan-Spal, probabili formazioni: c’è Piatek. Pronte tre novità