Home Milan News Milan, speso mezzo miliardo sul mercato in questi anni: il dato

Milan, speso mezzo miliardo sul mercato in questi anni: il dato

Milan, speso mezzo miliardo in questi anni tra Yonghong Li ed Elliott Management Corporation. Come evidenzia Tuttosport, il vero problema è come sono stati spesi questi soldi. 

Gordon Singer Paolo Scaroni
Gordon Singer e Paolo Scaroni a San Siro (foto Twitter)

488 milioni di euro, è questo quanto speso finora dal Milan tra le gestioni di Yonghong Li ed Elliott Management Corporation. Lo sottolinea Tuttosport oggi in edicola. Mezzo miliardo a bilancio per ben 24 giocatori in totale.

Inutile evidenziare che qualcosa è andato storto. Ma questo – evidenzia Ts – è comunque un dato utile per capire che più che prendersela con la proprietà, spesso finita nel mirino, sarebbe il caso di ammonire chi invece non ha saputo investire con intelligenza e logica in questi anni. I soldi sono stati spesi ma non bene, è qui l’intoppo.

Hakan Calahanoglu, Lucas Biglia, Andrea Conti, Frank Kessie, Nikola Kalinic, André Silva, Mateo Musacchio, Fabio Borini, Ricardo Rodriguez, Antonio Donnarumma e Leonardo Bonucci. Chi di questi è diventato un fuoriclasse assoluto nel Milan di oggi? Nessuno. Chi è ancora titolare? Calhanoglu, Kessie, a volte Musacchio. Non c’è bisogno di aggiungere altro.

Ma anche Elliott non ha limitato gli investimenti: Gonzalo Higuain, Mattia Caldara, Diego Laxalt, Tiemoué Bakayoko, Samuel Castillejo, Krzysztof Piatek, Lucas Paquetá, Ismael Bennacer, Rafael Leão, Theo Hernandez, Ante Rebic, Rude Krunic e Léo Duarte. Stesso quesito: chi di questi acquisti è diventato un fuoriclasse assoluto? Nessuno, per ora. Saranno anche diversi i titolari, ma in gruppo non riescono a portare il Milan nelle zone alte della classifica.

Una cosa è chiara: basta sperperare soldi su giocatori che non fanno fare il salto di qualità, ma che al massimo aumentano soltanto il rosso in bilancio. Basta gettare soldi, soprattutto adesso che iniziano a scarseggiare e che il passivo giganteggia sempre di più. Investire ma con equilibrio e saggezza, sarà questo il nuovo must.

Milan, allarme in attacco: numeri da lotta retrocessione