Bonaventura, sondaggi di Fiorentina e Roma. Ma Jack vuole il Milan 

Milan, Giacomo Bonaventura attende il rinnovo. Come rivela Alfredo Pedullà, dopo aver dimostrato alla società di star bene, ora Jack crede di meritare il prolungamento. E sullo sfondo spuntano Fiorentina e Roma. 

Giacomo Bonaventura
Giacomo Bonaventura (©Getty Images)

Milan, Giacomo Bonaventura appare discretamente imbronciato. Lo rivela assicura Alfredo Pedullà attraverso le colonne del Corriere dello Sport oggi in edicola. Motivo: il rinnovo contrattuale.

In scadenza nella prossima estate, gli ultimi incontri avevano infatti portato alla conclusione di valutare il tutto dopo un buon minutaggio. Ora i tempi sono maturi, ma ancora non ci sono stati aggiornamenti a tal proposito.

Milan, Bonaventura vuole il rinnovo

Rientrato definitivamente dall’infortunio, Jack ha segnato un goal contro il Napoli e ha inanellato una serie di prestazioni sufficienti, Oltre a prendersi un posto da titolare scalzando addirittura Lucas Paquetá. Ossia proprio i segnali che la società gli chiedeva prima che tornasse alla ribalta.

Motivi sufficienti per arrivare a una svolta che, dal punto di vista del giocatore, sarebbe meritata. Il che gli consentirebbe anche di cancellare qualche ansia per il futuro, visto che al Milan ci resterebbe volentieri.

Ma attenzione ai primi sondaggi esterni. Come infatti rivela il CorSport, negli ultimi giorni ci sarebbero stato dei sondaggi di Fiorentina e Roma. Il discorso sarebbe proiettato più all’estate che a gennaio, ma data la situazione il giocatore potrebbe già firmare un precontratto a inizio 2020.

Sono attesi sviluppi tra non molto, perché Mino Raiola, per un motivo o per un altro, incontrerà la dirigenza a breve. Del resto sono tanti gli argomenti sul tavolo, come anche la posizione di Giacomo Bonaventura, Alessio Romagnoli e Suso oltre che al sogno relativo a Zlatan Ibrahimovic. Si parlerà quindi anche di Bonaventura, con una certezza di base: la priorità del giocatore è il Milan.

CorSera – Ibra, questo temporeggiare non rassicura il Milan