Ibrahimovic verso il sì al Milan: la nuova offerta rossonera

Accelerata del Milan per Zlatan Ibrahimovic dopo il tonfo di Bergamo: lo svedese ora va verso il sì finale. Ecco le nuove condizioni che hanno convinto quasi il 38enne svedese. 

Zlatan Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic (©Getty Images)

Forte accelerata del Milan per Zlatan Ibrahimovic. Lo conferma anche l’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport. Come riferisce il quotidiano, il Diavolo ha attivato l’unità di crisi e i nuovi contatti delle ultime ore hanno avvicinato sensibilmente le parti.

Tutti convengono infatti che serve un acquisto di spessore per provare ad uscire da questa situazione, e quel rinforzo è proprio l’attaccante svedese. La prestazione di Bergamo, dall’altra parte, pare non aver scoraggiato il 38enne, ma anzi sembrerebbe aver addirittura alimentato il suo orgoglio.

Milan-Ibrahimovic, le nuove condizioni

L’offerta economica resta la stessa, ma le ultime conversazioni hanno confortato Ibra sulla durata del contratto: sarà sempre di sei mesi con opzione per altri 12, ma la clausola sarebbe legata a obiettivi personali e di squadra molto più abbordabili rispetto alla conquista di un posto in Champions League.

Ci stanno pensando Zvonimir Boban e Paolo Maldini a rompere gli indugi. Parlando direttamente col calciatore e non con Mino Raiola. Del resto il Milan ha un disperato bisogno di un attaccante, considerando che quello rossonero è il quintultimo attacco della Serie A. Inoltre il Milan è l’unica squadra del campionato ad aver segnato solo 2 gol su azione degli attaccanti: è successo con Rafael Leão in Milan-Fiorentina e con Krzysztof Piatek in Milan-Lecce del 20. Poi il blackout totale.

Ibra in ogni caso darà una risposta nel giro delle prossime ore, anche perché il club non può e non vuole più andare oltre: se dovesse essere positiva come tutti i nuovi elementi lasciano credere, Zlatan sarà a Milanello per il prossimo 30 dicembre, ossia la data della ripresa degli allenamenti.

Calabria: “Clamore inutile, difficile trovare uno più milanista di me”