Nocerino: “Ibrahimovic rialzerà il Diavolo. Milan, ora prendi Matic” 

Milan, parla Antonio Nocerino. L’ex centrocampista rossonero commenta il ritorno in rossonero di Zlatan Ibrahimovic e ‘suggerisce’ un nome alla società. 

Antonio Nocerino e Zlatan Ibrahimovic Milan
Antonio Nocerino e Zlatan Ibrahimovic (©Getty Images)

Zlatan Ibrahimovic e Antonio Nocerino, riecco la vecchia coppia rossonera. Uno in campo (più verosimilmente in panchina), l’altro in tribuna. Perché l’ex centrocampista del Diavolo sarà in tribuna a San Siro per Milan-Sampdoria del prossimo 6 gennaio.

E a proposto del ritorno di Ibra, Nocerino ha detto la sua ai microfoni de La Gazzetta dello Sport di oggi: “Ci siamo sentiti ma giuro che non abbiamo affrontato il discorso mercato, scelte troppo personali. Una cosa però la posso garantire: se Zlatan ha accettato la proposta del Milan è perché crede nella sfida di rilanciare un gruppo così giovane. Lo renderà competitivo, vedrete, per tentare di tornare in Europa e per fare strada in Coppa Italia”. 

Puntare su un 38enne non è un rischio: “Se il 38enne è Zlatan no. Non capisco i dubbi di alcuni tifosi e osservatori, per un campione come lui l’età è solo un numero: mentalmente e atleticamente sta benissimo, e arriva da un campionato molto fisico come la Mls, gli basterà qualche settimana per tornare al top”. 

Nocerino non ha dubbi: Ibrahimovic farà ancora la differenza. Anche perché: “Nelle difese di A non giocano più i Maldini e i Cannavaro… Non so quanti gol farà, ma ne farà e li farà fare. Risolverà i problemi dell’attacco”.

E inoltre porterà: “Competitività, già in allenamento: Zlatan si infuria anche se perde una partitella. Personalità, e sarà un bel “test” per i compagni, perché se non hai abbastanza carattere non puoi giocare con lui. E qualità: è un fuoriclasse che riesce a migliorare il rendimento di tutto il gruppo”. 

Infine un consiglio di mercato. Ok profili stile Jean-Clair Todibo, ma serve soprattutto altro secondo il 34enne napoletano: “Va bene investire sui giovani di talento, ma in questo momento servono giocatori pronti, di esperienza. Tipo Matic: io lo prenderei domani”. 

Modulo e interpreti: come cambierà il Milan con Ibrahimovic