Stadio Milan-Inter: il Comune vuole subito il diritto di superficie

Il Comune di Milano pretende che Inter e Milan paghino subito il diritto di superficie sull’area di San Siro quando verrà realizzato il progetto del nuovo stadio.

Stadio Milan Inter Manica Cmr Sportium
Progetto Sportium per lo stadio di Inter e Milan

Oggi a Palazzo Marino c’è stato un incontro con protagonisti il rappresentati del Milan, quelli dell’Inter e l’assessore al bilancio Roberto Tasca. Come riportato dall’agenzia ANSA, il confronto è stato giudicato positivo ed è servito per discutere degli aspetti economici e finanziari della realizzazione del nuovo stadio e di una rifunzionalizzazione del Giuseppe Meazza.

Un tema dibattuto riguarda il diritto di superficie per 90 anni che i club devono avere nell’area di San Siro per realizzare il proprio progetto. Milan e Inter hanno previsto di pagarli dopo 32 anni, a partire dal 2033. Tasca ha spiegato: «Noi gli abbiamo detto no, il diritto di superficie cominciate a pagarlo nel momento in cui iniziate ad avere il bene in gestione. Quindi da subito. Anche su questo hanno capito le nostre ragioni. Vorremmo avere, anche per questioni di cassa, un flusso dall’anno zero che alimenti quello che perdiamo dall’altra parte, con 10 milioni della convenzione».

L’assessore ha proseguito raccontando le posizioni delle parti: «Abbiamo trovato una corrispondenza di visioni, le squadre hanno capito il tema dei 100 milioni: noi come Comune abbiamo un valore patrimoniale che è di 100 milioni per la proprietà del Meazza, che diventano 90 in caso di diritto di superficie, un valore che oggi noi dobbiamo trovare ripreso all’interno del piano economico e finanziario».

Per quanto riguarda la rifunzionalizzazione del Giuseppe Meazza, queste sono state le parole di Tasca: «È completamente diversa rispetto ad un abbattimento, sicuramente costa di più e bisogna capire cosa ci sarà nella cittadella dello sport. Gestione della cittadella? Abbiamo i due estremi, che rimanga privata e la gestiscono le squadre per 90 anni, e avranno loro dei ricavi e una riduzione dei costi di costruzione. Oppure che diventi tutta pubblica e si faranno carico le squadre dei costi di manutenzione. Su questo abbiamo chiesto ai club di fare una valutazione approfondita».

Tra tre settimane Milan, Inter e Comune di Milano dovrebbero nuovamente incontrarsi dopo aver fatto i rispettivi approfondimenti su nuovo stadio e Giuseppe Meazza. Come riporta Sky Sport, nel prossimo summit si discuterà nel dettaglio delle volumetrie, dopo che oggi i club hanno presentato il nuovo piano di fattibilità economico.