Home Calciomercato Milan Milan-Donnarumma, si va verso l’addio: la situazione 

Milan-Donnarumma, si va verso l’addio: la situazione 

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:55

Milan, ultimi mesi di Gianluigi Donnarumma in rossonero? Considerando gli scenari complicati per il rinnovo e le ultime parole di Mino Raiola, tutto lascia immaginare un epilogo in arrivo tra le parti. 

Gianluigi Donnarumma
Gianluigi Donnarumma
(©Getty Images)

Gianluigi Donnarumma e il Milan: la partita sta entrare nel vivo e si prospetta complicatissima per il Diavolo. In scadenza nel 2021, la società è di fatto spalle al muro: o rinnoverà nell’immediato il contratto al giocatore – entro giugno al massimo per esempio – o sarà costretto a cederlo nella prossima estate.

Il rischio, altrimenti, sarebbe quello di perderlo poi a parametro zero nell’altra estate ancora. Sarebbe nel caso un tracollo e un fallimento economico senza precedenti, trattandosi di un top player proveniente dal settore giovanile e che garantirebbe una totale e sovrastante plusvalenza.

Milan-Donnarumma, addio in vista?

Mino Raiola, intervenuto nelle ultime ore, si è espresso così in merito: “Il rinnovo di Gigio? Niente è impossibile ma non ne abbiamo mai parlato, io aspetto ancora le scuse dei tifosi del Milan, di tutti quelli che durante l’ultima trattativa per il rinnovo mi dicevano che io ero una m…”. 

In realtà – riferisce La Gazzetta dello Sport – più che le scuse dai sostenitori milanisti, l’agente italo-olandese aspetta una mossa che dal Portello non è ancora arrivata e che per il momento, da quello che filtra, non è nemmeno all’orizzonte.

“Il mio lavoro è molto semplice, guardo solo al bene dei miei calciatori. Se giochi in un club che può fare certe cose allora rimani, altrimenti è meglio andar via. Ecco, su questo non abbiamo ancora capito bene, ma non voglio alzare polveroni”, ha poi aggiunto il procuratore.

La palla ora passa al Milan, la cui società ora dovrà ragionare su una proposta che si annuncia in salita sia sul piano tecnico che sportivo. Da una parte perché i 6 milioni di euro attualmente percepiti sono già il doppio del tetto salariale stabilito dal club, dall’altro perché il quarto posto valevole la Champions resta lontano 10 punti.

Cifra e club interessati

Così lo scenario più verosimile, a oggi, resta quello di un’inevitabile separazione a fine stagione. Per il Milan ci sarebbe un incasso non meno di 50 milioni, mentre l’atleta potrebbe avere un futuro all’altezza delle sue ambizioni considerando le varie piste Real Madrid, Chelsea e Paris Saint-Germain.

Solo la pista Juventus, fresca di rinnovo con Wojciech Szczesny, al momento si è raffreddata. “Non fu la scelta giusta, fu la scelta del cuore”, riferì Raiola dopo il complicato prolungamento con la gestione cinese. Opzione affettiva – assicura la rosea – che questa volta non verrà proprio presa in considerazione.

Ibrahimovic, possibile futuro da dirigente rossonero: l’idea