Milan, Rangnick alla Wenger: Gazidis punta al modello Arsenal

Milan, anche Tuttosport conferma l’arrivo ormai di fatto sicuro di Ralf Rangnick per l’estate. Sarà il Wenger del Diavolo: Ivan Gazidis vuole infatti ripetere il modello Arsenal. 

Rangnick intervista milan
Ralf Rangnick (Getty Images)

Milan, sarà Ralf Rangnick il futuro allenatore rossonero. Lo sostiene anche Tuttosport oggi in edicola. L’uomo della frattura, ovvero colui che ha ampliato più che mai la spaccatura presente però da tempo ai vertici dirigenziali.

Ma Rangnick, assicura il quotidiano, non sarà un semplice allenatore. Dal 2012 in poi, infatti, si è diviso tra panchina e scrivania ricoprendo più ruoli per la Red Bull: da direttore sportivo di Salisburgo e Lipsia, ad allenatore della stessa squadra tedesca portata dalla Serie B alla Champions.

Fino al ruolo svolto, dalla scorsa estate, di responsabile dell’area sportiva e del calcio della stessa azienda austriaca, coordinando di fatto tutte le squadre tra cui anche la formazione di New York e la compagine brasiliana.

Rangnick è quindi un manager a tutto tondo, nonché un profilo che per Gazidis può rappresentare ciò che Arsene Wenger è stato all’Arsenal per 22 anni: allenatore e guida dell’area tecnica. Ed è proprio questo l’intento del dirigente sudafricano: riportare il modello Gunners in rossonero.

Al di là dei mancati titoli vinti per un un decennio, Wenger ha comunque creato un modello basato sulla scoperta dei migliori talenti europei da lanciare in prima squadra e rivendere poi al miglior offerente. Un progetto nei pensieri di Gazidis sin dal primissimo momento e mai sposato da Paolo Maldini e Zvonimir Boban. Ecco, adesso, il punto di non ritorno.

LEGGI ANCHE: CORSPORT – MILAN, IN ARRIVO EMENALO