Niente rinnovi automatici – Da Ibra a Pobega: il Milan cambia volto

Il Milan – come qualsiasi altra squadra del panorama europeo – si troverà a gestire tantissimi calciatori in entrata e in uscita a stagione in corso.

Zlatan Ibrahimovic Milan nocerino
Zlatan Ibrahimovic (©Getty Images)

L’emergenza coronavirus sta costringendo gli organi del calcio a rivedere i calendari. Ad oggi non ci sono ancora certezze ma è probabile che i campionati si giochino in piena estate.
Scendendo in campo anche a luglio e agosto le società si troverebbero così a fare i conti con rose rivoluzionate in piena stagione.

In Europa, infatti, i contratti hanno scadenza il 30 giugno. Fino a qualche giorno fa l’idea era quella di prorogare gli accordi ma dalla Fifa arriva l’indicazione che non verranno rinnovati in modo automatico.
Davvero un bel problema per molte squadre, Milan compreso.

La squadra di Stefano Pioli dopo il 30 giugno perderà gli acquisti di gennaio Kjaer, Saelemaekers, Begovic e Zlatan Ibrahimovic. Hanno tutti firmato per sei mesi e senza nuovi accordi, che il club dovrà trattare singolarmente, andranno via da Milanello.

Lo faranno anche Lukas Biglia e Jack Bonaventura, che non rinnoveranno i propri contratti.

A stagione in corso dunque il Milan potrebbe perdere ben sei elementi, molti di questi fondamentali e se ne ritroverebbe altri che vedranno scadere i propri prestiti.

Torneranno alla base, infatti, Ricardo Rodriguez, Pepe Reina e i tanti giovani, ceduti in giro per l’Italia per trovare continuità. Tra questi chi potrebbe dare una mano alla squadra è certamente Pobega, che tanto bene sta facendo con la maglia del Pordenone.

Il calcio si appresta a vivere una fase davvero particolare, che non sarà per nulla facile da gestire dai mister, che da un giorno all’altro si ritroveranno con giocatori diversi da allenare.

LEGGI ANCHE: UFFICIALE, IL PROTOCOLLO FIGC PER RIPARTIRE