Matri annuncia il ritiro: “Milan? Vi spiego cosa sbagliai”

Alessandro Matri ha deciso di smettere con il calcio giocato. Dopo l’esperienza negativa a Brescia, non ha lo stimolo per affrontare una nuova sfida.

Alessandro Matri rimpianto Milan
Alessandro Matri (©Getty Images)

Alessandro Matri sembra aver deciso di optare per il ritiro dalla sua carriera di calciatore. Dopo essersi liberato dal contratto con il Brescia, non ha più le motivazioni per continuare.

Intervistato da Sky Sport, il centravanti classe 1984 ha spiegato nel dettaglio la sua situazione: «Ho realizzato i miei sogni, mai avrei pensato di fare una carriera simile. Credo di smettere, non penso di continuare, visto come sono andati i primi sei mesi. Ho avuto risposte non positive dal campo. Sono arrivate anche poche richieste, ho valutato quelle che c’erano e ho deciso di non fare figuracce. Mi mancherà sicuramente la vita del calciatore. Ho preso coscienza, perché un giocatore della mia età deve comunque garantire certi ritmi. Sono arrivato con motivazioni e poi non c’è stato un riscontro tecnico-tattico. Solo un’occasione importante poteva riaccendere la fiammella».

Matri è dispiaciuto di porre fine alla sua lunga esperienza sul campo e ha anche il rammarico di aver fallito quando è tornato al Milan nella stagione 2013/2014: «Il Milan era la realizzazione di un sogno, la mia mamma calcistica. Andò male, volevo dimostrare il mio valore. Mi sono autocaricato di responsabilità senza sapere reggere le pressioni. Andare via fu una pugnalata, chiesi a Galliani di cedermi. Mi sentivo male non potendo dare il mio contributo. Mi piacerebbe rigiocare quei 6 mesi in rossonero per riconquistarmi qualcosa».

Dopo i tre anni al Sassuolo, aveva firmato con il Brescia nell’estate 2019. Nelle 8 presenze collezionate nessun gol e un rendimento non positivo. Nonostante la risoluzione del contratto, nessuna offerta ricevuta lo ha persuaso a provare una nuova sfida. Salvo sorprese, la sua carriera da calciatore è conclusa.

LEGGI ANCHE -> LA RICHIESTA DI IBRAHIMOVIC E L’OFFERTA DI GAZIDIS