Terrazzino: “Rangnick un fissato della tattica. E’ un calcolatore”

Marco Terrazzino racconta Ralf Rangnick. Il calciatore di origine siciliane, oggi alla Dinamo Dresda, ha esordito con il mister a 17 anni.

Terrazzino: "Rangnick un fissato della tattica. E' un calcolatore"
Ralf Rangnick (©Getty Images)

Ralf Rangnick continua ad essere il nome in pole per la panchina del Milan. Per parlare del tedesco che presto potrebbe essere alla guida del club rossonero, ‘Gianlucadimarzio.com’, ha intervistato Marco Terrazzino.

Il calciatore di origini agrigentine, oggi in forza alla Dinamo Dresda, ha esordito a 17 anni proprio con Rangnick in panchina:

“È un professore, conosceva gli avversari a memoria, un fissato della tattica e del gioco in contropiede. Mi ha fatto esordire da ragazzino, quindi lo ringrazio, ma sul piano umano… Con lui la squadra può crescere, ma non so come potrà adattarsi alla mentalità italiana”

Mentalità – “È una persona fredda, un calcolatore. Mi diceva che ero il suo nuovo Robben, all’inizio mi ha dato fiducia, poi cambiò tutto. Una volta, contro il Leverkusen di Toni Kross, mi fece entrare a inizio ripresa dicendomi che avrei risolto la gara.

Perdemmo 3-0, poi in sala stampa disse che si sarebbe aspettato molto di più. Ci rimasi malissimo, così a fine stagione me ne andai via”.

LEGGI ANCHE: MILAN-JUVE 2003 IN TV