Rio Ave-Milan, Gabbia escluso dai rigoristi: il motivo

La verità sul motivo per cui Matteo Gabbia non ha fatto parte dell’infinita lotteria di rigoristi per la gara Rio Ave-Milan.

Matteo Gabbia Milan
Matteo Gabbia (©Getty Images)

In molti si sono domandati ieri sera, durante l’infinita lotteria dei calci di rigore tra Milan e Rio Ave, come mai Matteo Gabbia non è stato designato per calciare il penalty.

Nella lunghissima serie il Milan ha escluso Gabbia. Il motivo, da regolamento, è molto semplice. Il difensore classe ’99 era l’undicesimo della lista ed è stato escluso automaticamente per via dell’inferiorità numerica dei portoghesi.

Infatti l’espulsione di Borekovic al 120′ aveva lasciato in dieci il Rio Ave. Il regolamento UEFA prevede che anche la squadra avversaria, seppur con tutti gli 11 effettivi a disposizione, debba presentare soltanto dieci calciatori in lista per i rigori.

Gabbia è stato così considerato fuori da tale lotteria, lasciando il posto persino a Gigio Donnarumma. Con effetti non troppo positivi visto il decimo rigore calciato in curva.

LEGGI ANCHE -> MILAN DI RIENTRO DAL PORTOGALLO