Inter-Milan, pagelle e tabellino: Ibra Supremacy, Theo in affanno

Pagelle e tabellino del derby Inter-Milan, big match valido per la quarta giornata del campionato di Serie A 2020/2021.

Derby Inter Milan pagelle tabellino
Milan esultante nel derby contro l’Inter (©Getty Images)

Concluso il derby di Milano del quarto turno di Serie A: il risultato finale premia il Milan, che vince 2-1 contro l’Inter e si conferma in testa alla classifica del campionato a punteggio pieno.

Rossoneri in vantaggio al 13′ con Zlatan Ibrahimovic, che si guadagna il rigore e se lo fa respingere da Samir Handanovic ma poi è bravo a mettere in rete sulla ribattuta. Tre minuti dopo ancora lo svedese a raddoppiare colpendo bene a pochi metri dalla porta su preciso assist di Rafael Leao, che aveva saltato secco Danilo D’Ambrosio.

Al 29′ i nerazzurri accorciano con Romelu Lukaku, che mette dentro facilmente su assist di Ivan Perisic dopo che Gigio Donnarumma non è riuscito a intercettare. Non mancano occasioni da una parte e dall’altra, ma il primo tempo si conclude sul 2-1. Nella ripresa Inter più intraprendente per cercare il pareggio, ma il Milan tiene e alle fine può esultare per essere tornato a vincere il derby di Milano.

Derby Inter-Milan: tabellino e pagelle

INTER (3-4-1-2): Handanovic 6; D’Ambrosio 5.5, de Vrij 6, Kolarov 5; Hakimi 6, Brozovic 5.5 (68′ Eriksen 5), Vidal 5.5 (84′ Sanchez sv), Perisic 5.5; Barella 6.5; Lukaku 6.5, Lautaro 5.5. A disposizione: Padelli, Stankovic, Ranocchia, Darmian, Moretti, Vezzoni, Squizzato, Satriano, Pinamonti. Allenatore: Antonio Conte 5.5.

MILAN (4-2-3-1): G. Donnarumma 5,5; Calabria 6, Kjaer 6, Romagnoli 6, Hernandez 5,5; Bennacer 6, Kessie 6 (87′ Tonali sv); Saelemaekers 6 (62′ Castillejo 5,5), Calhanoglu 6, Leao 6,5 (62′ Krunic 5,5); Ibrahimovic 7.5.
A disposizione: Tatarusanu, A. Donnarumma, Dalot, Conti, Hauge, Kalulu, Brahim Diaz, Maldini, Colombo. Allenatore: Stefano Pioli 6.5.

VOTI E PAGELLE DELLA SQUADRA ROSSONERA

G. Donnarumma 5,5: sul gol di Lukaku poteva fare meglio, si tuffa per intercettare l’assist di Perisic ma senza successo. Poteva essere più efficace. Nel secondo tempo sciocco intervento su Lukaku, l’arbitro da rigore ma poi grazie al VAR fischia fuorigioco.

Calabria 6: poteva ostacolare meglio Perisic sull’azione del 2-1, però nel complesso la prova del terzino rossonero è sufficiente.

Kjaer 6: in grande difficoltà nel primo tempo (anche se salva un gol), meglio nella ripresa. Con Lautaro e Lukaku è normale faticare, anche se in alcune azioni doveva essere più attento. Nel secondo tempo comunque è maggiormente efficace nel difendere.

Romagnoli 6: prima partita dopo un lungo stop e trova un avversario impegnativo come Lukaku di fronte. Non è perfetto, però non va in affanno contro il belga.

Theo Hernandez 5,5: mai visto così in difficoltà il terzino rossonero, che soffre contro Hakimi e non è incisivo quando si proietta in avanti (poche volte a dire il vero). Probabilmente il colpo alla caviglia di inizio derby può averlo condizionato. Serata no per l’ex Real Madrid.

Kessie 6: tanta lotta in mezzo al campo, non si tira mai indietro. Nella ripresa rischia il cartellino rosso, però per il resto si gestisce abbastanza bene (dall’87’ Tonali sv).

Bennacer 6: anche per l’ex Empoli c’è da battagliare molto in mezzo contro avversari come Barella e Vidal. Se la cava bene.

Saelemaekers 6: grande giocata nell’azione del 2-0, il belga regge la tensione di un derby come Inter-Milan e non sfigura per niente (dal 62′ Castillejo 5,5: incide poco, poteva fare molto di più in alcune situazioni nelle quali è stato troppo impreciso).

Calhanoglu 6: nei primi 45 minuti è maggiormente al centro del gioco, poi è più in ombra. Ad ogni modo, rimane un punto di riferimento per la manovra. Un giocatore al quale affidare anche palloni che scottano.

Rafael Leao 6,5: va a fiammate e con la sua velocità sa mettere in difficoltà gli avversari. Suo l’assist per il 2-0 di Ibrahimovic dopo aver saltato netto D’Ambrosio (dal 62′ Krunic 5,5: messo in campo per dare più equilibrio, purtroppo sbaglia il gol che avrebbe dato il 3-1 al Diavolo).

Ibrahimovic 7,5: a 39 anni decide con una doppietta il derby di Milano. Si guadagna il rigore, se lo fa respingere e poi mette dentro. Sul 2-0 è bravo a smarcarsi e a insaccare sull’assist super di Leao. Oltre alle reti, domina spesso nei duelli. Supremacy.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> LIVE | Inter-Milan, gol e risultato in tempo reale del Derby di Milano