Ibrahimovic: “Al Milan per cambiare le cose. Io come Benjamin Button”

Un video pubblicato dal Milan riguardo Zlatan Ibrahimovic e le sue motivazioni nella seconda esperienza in rossonero.

Ibrahimovic ritorno Milan
Zlatan Ibrahimovic (©Getty Images)

Il Milan, sulle proprie pagine social, ha pubblicato oggi una video-intervista rilasciata da Zlatan Ibrahimovic ai canali ufficiali della UEFA.

Il campione svedese, amatissimo dai tifosi rossoneri, ha parlato dei motivi che lo hanno spinto a tornare dopo quasi otto anni a giocare nel Milan.

Leggi anche > Balotelli ha trovato una nuova squadra

Zlatan ha spiegato che alcuni erano scettici riguardo al suo ritorno: “La prima domanda che mi è stata fatta riguardava tutti quei campioni tornati al Milan dopo diversi anni, che non erano riusciti ad esprimersi come la prima volta. La differenza con me? Io non ho mai perso la passione per il calcio”.

Le sue motivazioni infinite: “Ogni volta che scendo in campo mi sento come un bambino che mangia una caramella per la prima volta. Ho capito che il pallone fosse il mio migliore amico, per il resto della mia vita”.

Sulla decisione di accettare il Milan-bis: “Pensavo di aver dato tutto, ho riflettuto sul ritiro. Tornare al Milan significava provare a cambiare le cose, la mentalità, trasmettere alla squadra cosa fosse il Milan. Il club che io conosco, che tutto il mondo conosce. Io metto sempre pressione ai miei compagni, tiro fuori il massimo da loro. Vanno in difficoltà se rendono tanto solo quando è necessario, ma io ho deciso che dovevano dare il massimo sempre”.

Ibra parla da motivatore puro: “Se sei giovane o vecchio io ti metto la stessa pressione, perché c’è un motivo se sei qui. Sei abbastanza bravo. Sul campo tutti siamo uguali, è per questo che io sono qui. Non vedo molti calciatori del passato capaci di fare lo stesso. Mi considero come Benjamin Button, ogni giorno che passa ringiovanisco”.

Su quanto durerà ancora la sua avventura calcistica: “Prometto di giocare finché ne avrò voglia, e di farlo sempre al massimo. Non appena capirò di non riuscirci mi fermerò. Perché ho bisogno di sentirmi vivo, di restituire qualcosa”.