Ibrahimovic: “Tornare al Milan una grande sfida. Giocherò finché sarò al top”

Intervista alla BBC di Zlatan Ibrahimovic, che ha parlato del suo stato di forma e dell’attuale momento nel Milan.

Ibrahimovic intervista
Zlatan Ibrahimovic (©Getty Images)

Torna a parlare Zlatan Ibrahimovic. In attesa del suo recupero e rientro in campo, lo svedese del Milan ha rilasciato alcune dichiarazioni all’emittente BBC.

Ibra ha parlato principalmente del suo momento personale: “Mi sento bene e continuerò a giocare finché potrò fare ciò che sto facendo ora. Voglio divertirmi mantenendo la giusta condizione fisica. Il resto si vedrà”.

Leggi anche > Van Bommel: “Ho avuto paura di Ibra”

Sul momento del Milan: “Siamo in un periodo incredibile, di grande forma. Ma non abbiamo vinto nulla, c’è ancora tanto da fare. Quando sono arrivato al Milan la prima volta entravo in un club che lottava per vincere. Ora la sfida è diversa, bisogna tornare al top. Queste sono le cose che preferisco, mi fa sentire vivo lottare e lavorare per un obiettivo. La sensazione è fantastica, molto meglio di arrivare in un top team già affermato”.

Ibra ha ammesso di essere molto cambiato in campo: “So di dovermi adattare, così come capisco che non corro come quando avevo dieci anni di meno. Ma mi diverto e mi sento bene. La Serie A è il massimo, il torneo più difficile, molto tecnico e con difese preparate. Qui vince chi prende meno gol. Mi sento come se avessi incrociato due generazioni: ho giocato contro Paolo Maldini e ora sono compagno di suoi figlio Daniel”.

Sugli infortuni subiti: “Dopo la rottura del ginocchio nel 2017 mi sono detto che avrei continuato fin quando sarei rimasto al top. In questo mondo se non lo sei c’è subito qualcuno pronto a prendere il tuo posto. Tutto questo mi carica, so che non conta niente il mio passato, devo lavorare per migliorarmi e raggiungere traguardi nuovi, ogni giorno tiro fuori il meglio di me”.

Infine una battuta sul Covid-19, che Ibrahimovic ha contratto ad ottobre: “Un brutto affare, per quanto mi riguarda più una sfida mentale che dal punto di vista fisico”.