Ancelotti: “Superlega? Inaccettabile un torneo senza merito sportivo”

Il commento stupito e scettico di Carlo Ancelotti riguardo alla Superlega. Queste le parole dell’ex allenatore del Milan.

Ancelotti
Carlo Ancelotti (©Getty Images)

Altri pareri sulla Superlega arrivano dall’Inghilterra. In particolare da Carlo Ancelotti, uno degli allenatori europei più vincenti e affidabili del continente. L’attuale manager dell’Everton ha detto la sua nella conferenza stampa pre-partita di oggi.

La prima cosa che ho pensato nel sentire la notizia ufficiale è che si trattasse di uno scherzo – ha detto candidamente Ancelotti. – Avevo sentito parlare di Superlega nei mesi scorsi ma ero sicuro fosse un’ipotesi irrealizzabile. Sono stati giorni strani per noi del mondo del calcio, pieni di dubbi e sorprese”.

L’ex allenatore del Milan è apparso dunque ironico e molto scettico nei confronti dell’idea di formare una lega d’élite, come ampiamente spiegato: “La mia opinione è che i 12 club partecipanti abbiano commesso un errore. Volevano formare una Lega senza il parere di allenatori, giocatori e tifosi. Una competizione inoltre che andava oltre il merito sportivo. Inaccettabile per il calcio e per i valori dello sport”.

Un punto di vista dunque critico quello di Ancelotti. Forse inevitabile per un tecnico che ha vinto tutto in carriera, tra Milan, Real Madrid, PSG, Chelsea e Bayern Monaco. Oggi sta provando a portare l’Everton tra i migliori club d’Inghilterra e l’ideazione della Superlega avrebbe forse minato questi obiettivi.