Cassano avverte Donnarumma: “Non so se riceverà lo stesso trattamento altrove”

Le parole di Antonio Cassano, che usa termini coloriti per elogiare l’atteggiamento del Milan nei confronti di Donnarumma.

Cassano
Antonio Cassano (©Getty Images)

Il futuro di Gianluigi Donnarumma non è ancora stato stabilito. Ma una cosa è certa: il portiere lascerà a parametro zero il Milan, visto che il club rossonero non è voluto scendere a patti sulle esose richieste per il suo rinnovo contrattuale.

Una decisione, quella del club rossonero, che ha sorpreso tutti ma allo stesso tempo ha ottenuto grandi consensi. Il Milan, rispetto al passato, ha mostrato come sia una società più pronta ad ogni evenienza, ma soprattutto non più schiava delle pressioni dei procuratori.

Parere positivo anche da parte di Antonio Cassano. L’ex attaccante barese, interpellato da Il Giornale, ha voluto elogiare così l’atteggiamento del club: “Maldini ha dimostrato di avere attributi grandi come mongolfiere. Perderanno a zero Donnarumma, ma ha dato una lezione al calcio italiano ed a coloro che giocheranno nel Milan oggi e domani”.


Leggi anche:


Euro 2021, Cassano non esalta l’Italia: “Non è tra le migliori”

Cassano ha concluso il suo pensiero su Donnarumma in questo modo: “Devo dire che Maldini è stato molto elegante nel modo in cui ha dato il benservito a Gigio. Non so se riceverà lo stesso trattamento altrove, nelle squadre dove deciderà di giocare”.

Il discorso poi passa dal Milan alla Nazionale italiana, ormai pronta al debutto ad EURO 2021. Eppure Cassano non vede gli azzurri tra i favoriti: “Se devo fare un pronostico, dico Francia. E’ superiore a tutti, ha tre squadre complete ed in più ha ritrovato anche Benzema. Dopo di loro vedo Inghilterra, Spagna, Belgio e Portogallo. L’Italia non è tra le migliori cinque, ma vedremo cosa succederà. Non ha un fuoriclasse in rosa, non c’è un Cassano o un Totti. Mi sarebbe piaciuto vedere Zaniolo”.

Cassano, a proposito di Europei, ha giocato in carriera ben tre fasi finali del torneo continentale. Nel 2004, come talento emergente, nel 2008 e infine nel 2012, quando militava ancora nel Milan e formò con Mario Balotelli una coppia d’attacco niente male.