Preziosi, annuncio su Scamacca: “Non ci sono possibilità”

Il patron genoano Enrico Preziosi si è soffermato sul futuro della stella Gianluca Scamacca, ricercato anche dal Milan.

Scamacca
Gianluca Scamacca (©Getty Images)

Il patron del Genoa, l’imprenditore italiano Enrico Preziosi, è intervenuto oggi ai microfoni di Radio anch’io lo Sport per commentare diverse situazioni riguardanti il suo club ed il calcio italiano in generale. Molti gli argomenti toccati dal presidente rossoblu.

Tra questi anche il destino di Gianluca Scamacca, attaccante classe ’99 che ha disputato un’ottima e promettente stagione con la maglia del Genoa. Il centravanti romano, titolare anche dell’Under 21 italiana, è sul taccuino di molti club di primo piano, tra i quali anche il Milan.

Preziosi ha fatto chiarezza sul suo futuro, ammettendo come sarà impossibile per il suo Genoa trattenerlo: “Perderemo molti giocatori per fine contratto o fine prestito. Tra questi c’è Scamacca. Sapevamo fosse impossibile riscattarlo, siamo stati chiari con lui fin dall’inizio. Tornerà sicuramente al Sassuolo“.

Dunque, almeno per il momento, il destino di Scamacca è quello di tornare ad indossare la maglia neroverde del Sassuolo, il club che ne detiene il cartellino. Ma l’estate è lunga e si prospettano colpi di scena di ogni tipo, anche nuove proposte in arrivo per il numero 9.


Leggi anche:


Preziosi rivela: “Il campionato ‘spezzatino’ non si farà”

Dunque Preziosi dice addio a Scamacca, così come anche a Goran Pandev. Il centravanti veterano della Macedonia dovrebbe lasciare il calcio giocato al termine del Campionato Europeo che inizierà a breve. Ma oltre alle vicende di mercato, il patron genoano ha parlato anche di altro.

Ad esempio oggi andrà in scena un’importante Assemblea di Lega in cui si voterà per quanto riguarda l’ipotesi del campionato ‘spezzatino‘. Ovvero, dal 2021-2022, la Serie A potrebbe programmare le dieci gare di ogni turno in dieci orari diversi, senza alcuna contemporaneità.

Preziosi ha rivelato stamane che tale ipotesi dovrebbe essere bocciata, quasi all’unanimità: “L’idea non passerà. Solo 6-7 club erano favorevoli e voteranno sì, perché fanno parte di una coalizione vicina a DAZN. Ma i voti si contano e non hanno peso differente, quindi lo spezzatino verrà bocciato”.