Italia, non solo Calhanoglu: attenta a Yazici, ha già punito il Milan

La Turchia ha giocatori che possono impensierire l’Italia. Oltre a Calhanoglu, c’è un altro che il Milan conosce bene: Yazici del Lille. Ha fatto tripletta a San Siro in Europa League.

Yazici
Yazici esulta contro il Milan in Europa League (©Getty Images)

Stasera l’Italia affronta la Turchia nella prima partita dell’Europeo 2020. Un match sicuramente impegnativo, visto il buon valore della nazionale turca.

Nella squadra di Şenol Güneş ci sono giocatori che gli azzurri conoscono bene, perché militano nella Serie A. In campo dal primo minuto dovremmo vedere Merih Demiral, difensore della Juventus, e anche Hakan Calhanoglu, trequartista del Milan. Quest’ultimo sarà senza dubbio tra gli osservati speciali della sfida. Ha qualità che possono far male alla formazione di Roberto Mancini. Ma non è l’unico da tenere d’occhio.


Leggi anche:


Yazici stella del Lille e della Turchia: può fare male all’Italia

Un altro calciatore a cui l’Italia deve prestare grande attenzione è Yusuf Yazici, 24enne del Lille che può giocare sia da trequartista che da seconda punta. È molto dotato tecnicamente e possiede un piede sinistro capace di disegnare traiettorie precise e potenti. La nazionale azzurra dovrà essere brava a neutralizzarlo.

Yazici in Italia si è fatto conoscere nell’ultima stagione grazie alla grande prestazione messa in campo a San Siro contro il Milan in una partita della fase a gironi dell’Europa League. La stella del Lille segnò una tripletta e permise alla squadra di Christophe Galtier di vincere 3-0 contro quella di Stefano Pioli.

L’ex talento del Trabzonspor è reduce da una buona annata: 14 gol e 5 assist in 42 presenze totali. Però va detto che non segna dal 25 febbraio e quindi a livello realizzativo ha perso il brio della prima parte di stagione. Comunque l’Italia dovrà stare attenta a Yazici.

Sempre nel Lille milita anche Burak Yilmaz, l’esperto centravanti titolare della Turchia. Insieme hanno vinto l’ultimo campionato francese e hanno voglia di vincere anche contro la squadra di Mancini stasera.