Salernitana, Serie A a rischio: la FIGC boccia il trust

La Salernitana rischia di non iscriversi alla prossima Serie A. Le famiglie Lotito e Mezzaroma devono vendere il club. La FIGC ha bocciato il trust.

Claudio Lotito
Claudio Lotito (©Getty Images)

La partecipazione della Salernitana al campionato Serie A 2021/2022 è a rischio. Oggi la FIGC ha bocciato la proposta di trust presentata dall’attuale proprietà per vendere il club.

La Federcalcio italiana ha evidenziato che non si tratta di un vero e proprio blind trust “in virtù del processo di scelta delle persone componenti del trust e delle regole previste nella gestione dello stesso“. Inoltre, è stato aggiunto “che non è stata assicurata indipendenza economica al trust rispetto alle società disponenti“.

Da ricordare che la Salernitana ha due società proprietarie: una di Enrico Lotito, figlio di Claudio, e l’altra del cognato Marco Mezzaroma. Si tratta di Omnia Service S.r.l. e della Morgenstern S.r.l., che il 25 giugno hanno fatto confluire le loro rispettive partecipazioni pari complessivamente all’intero capitale sociale della U.S. Salernitana 1919 S.r.l. al trust Salernitana 2021 al fine di vendere il club.

Adesso c’è tempo fino a sabato alle ore 20 per risolvere i problemi. Sicuramente i tifosi della squadra campana sono preoccupati, sperano che la promozione in Serie A non venga di fatto annullata. Claudio Lotito deve accelerare per cedere il club e garantirgli così la partecipazione al massimo campionato italiano.