Bakayoko: “Il Milan è la mia casa. Spero che Kessie rimanga. Ibra un esempio”

Segui con MilanLive.it la conferenza stampa di presentazione di Bakayoko. Il centrocampista francese, che torna in rossonero, risponde alle domande dei giornalisti

Tiemoué Bakayoko
Tiemoué Bakayoko (Ac Milan.com)

Torna Tiemoué Bakayoko. Il nuovo centrocampista del Milan si presenta in conferenza stampa. Segui con MilanLive.it le dichiarazioni del calciatore francese, che torna a vestire il rossonero:

“Ricordo bene l’ultima mia partita in rossonero, è stata una delusione non centrare la qualificazione in Champions. E’ un piacere essere qui con il Milan qualificato. La squadra è cresciuta ed è più forte sicuramente. Tifosi? Ho un grande rapporto con i tifosi anche se l’inizio non era stato facile. Sono riuscito a guadagnarmi l’affetto, che spero di poter restituire”.

Concorrenza a centrocampo – “Sappiamo tutti che il posto va guadagnato. Io farò del mio meglio, portando esperienza acquisita con gli altri club”.

Rapporto con Maldini – “Ho un bellissimo rapporto con lui, mi ha aiutato tantissimo al Milan. E’ una persona fantastica, ho imparato molto da lui”.

Francesi in squadra? – “E’ una bellissima cosa. Il Milan è più forte in generale. Non vedo l’ora di giocare con tutti”.

Milan come casa – “Mi piacerebbe molto restare in rossonero. Considero il Milan la mia vera casa. Qui bisogna ottenere il massimo, come è giusto che sia”.

Troppi prestiti – “E’ arrivato il momento di stabilizzarmi, vorrei potermi fermare. Il Milan è il club per cui vorrei giocare più anni e farò il possibile”.

Kessie – “Mi trovo bene con lui, sono contento di ritrovarlo. Futuro? Spero che possa rimanere, avrà buoni consigli per poter rimanere al Milan”.

Ibra – “Abbiamo parlato, la sua personalità è nota a tutti. E’ un esempio da imitare. Sono felice di giocare con lui”.

Pioli – “Come giocavo con Gattuso giocherà anche qui. Ascolterò i suoi consigli. Proverò a dare il mio”.

Scudetto – “Può vincere lo scudetto, credo che tutti i club andranno affrontati partita dopo partita”.

Vicino al ritorno la passata stagione? – “Ci sono state delle trattative, ne abbiamo parlato ma non so dove sono arrivate queste discussioni. L’importante è essere qua oggi”.

Centrocampo a due o a tre – “Sarà il mister a scegliere il modulo migliore, per me cambia poco giocare a due o a tre”.

Nostalgia Milan – “Mi è mancato tutto di Milano, il club, lo stadio e i tifosi. Sono spesso tornato con la famiglia. Cosa cerchi in rossonero?”

Cosa cerchi al Milan? “Cerco serenità e ho voglia di vincere più trofei possibili, come ogni calciatore. L’importante sarà, comunque, essere contenti”.