Mancini boccia Florenzi: resta fuori in Svizzera-Italia

Il c.t. italiano Roberto Mancini sembra pronto a dei cambiamenti di formazione per la prossima gara azzurra.

Florenzi
Alessandro Florenzi (Getty Images)

La prova di giovedì sera della Nazionale italiana ha convinto poco. Il pareggio interno con la Bulgaria da parte dei campioni d’Europa in carica è risultato deludente e insoddisfacente, soprattutto per le tante occasioni sprecate nella ripresa.

In particolare uno dei calciatori maggiormente criticati da stampa e tifosi è stato Alessandro Florenzi. Il neo acquisto del Milan è stato schierato titolare dal c.t. Roberto Mancini un po’ a sorpresa, nonostante il classe ’91 abbia giocato solo qualche spezzone di gara con la maglia rossonera.

La prova di Florenzi è stata giudicata insufficiente da più parti. Decisivo l’errore nell’occasione del pari bulgaro, con il calciatore del Milan che si è fatto letteralmente bruciare da Despodov, libero poi di servire il compagno Iliev tutto solo davanti a Donnarumma.


Leggi anche > Faivre, il retroscena: passaggio al Milan saltato in extremis


Secondo diversi media nazionali, Florenzi rischia di pagare la prestazione negativa di giovedì con l’esclusione in vista del prossimo impegno. Domani sera l’Italia affronta la Svizzera in trasferta, nel big match del gruppo C di qualificazione mondiale.

Il rossonero dovrebbe accomodarsi in panchina, sostituito dal napoletano Giovanni Di Lorenzo. Proprio colui che nel trionfale cammino ad Euro 2020 aveva tolto il posto a Florenzi dopo l’infortunio subito dal classe ’91 nel primissimo incontro.

L’ex Roma di certo paga gli errori contro la Bulgaria, ma non è esente da colpe lo stesso Mancini. Il c.t. azzurro ha lanciato un Florenzi ancora fuori forma lasciando in panchina alternative atleticamente più pronte. Per Svizzera-Italia dunque si cambia, soprattutto in difesa. Questa la probabile formazione del match di Basilea:

Italia (4-3-3): Donnarumma; Di Lorenzo, Bonucci, Chiellini, Emerson; Barella, Jorginho, Locatelli; Chiesa, Immobile, Insigne.