Milan, Elliott voleva comprare il Lugano | Il retroscena

Elliott pienamente impegnato nel progetto Milan, i piani per il futuro sembrano chiari. Spunta anche un retroscena riguardante il Lugano.

Casa Milan AC
Casa Milan, sede rossonera in via Aldo Rossi (foto MilanLive.it)

Il fondo Elliott ha preso le redini del Milan dal 2018, dopo i guai di Yonghong Li, e finora ha sempre smentito i rumors su una eventuale cessione. Tuttavia, tale scenario è facilmente ipotizzabile tra un po’ di anni.

Trattandosi di un fondo di investimento, prima o poi vorrà rientrare dei soldi messi nel club. Sono oltre 700 i milioni di euro che la società americana ha dovuto spendere per il Milan. Il progetto prevede il risanamento dei conti del bilancio, la valorizzazione della squadra, la costante qualificazione in Champions League e la realizzazione dello stadio.

Secondo quanto rivelato dal giornalista Carlo Festa nel blog The Insider sul sito de Il Sole 24 Ore, Elliott potrebbe valutare offerte già nel 2022 con la progressiva fine della pandemia e con il progetto stadio del cassetto.

Festa racconta anche che il fondo presieduto da Paul Singer aveva pure pensato di acquistare il Lugano Calcio, club svizzero. L’operazione non si è poi concretizzata perché a rilevare la società elvetica è stata una cordata americana capitanata dall’imprenditore Joe Mansueto.

Sarebbe stato sicuramente interessante vedere come il Lugano sarebbe stato utilizzato da Elliott. Forse il Milan ne avrebbe beneficiato, mandando in prestito alcuni giovani in Svizzera per consentirgli di giocare con continuità.