Di Marzio su Kessie: “Da capire se all’estero troverà certe offerte”

Il giornalista ed esperto di mercato è intervenuto ai microfoni di Sky Sport e ha fatto il punto sui rinnovi in casa Milan.

Siamo ormai già a novembre e non manca più tanto al mese di gennaio, mese nel quale i giocatori in scadenza saranno liberi di accordarsi con altre società per le stagioni future.

Franck Kessie
Franck Kessie (©LaPresse)

Anche la dirigenza del Milan deve preoccuparsi di ciò e già da mesi sta lavorando ai contratti di quei giocatori che andranno in scadenza nel giugno 2022. Il caso più spinoso è sempre quello di Kessie, con il centrocampista che continua ad essere accostato a diversi club, soprattutto in Premier League. Di qualche giorno fa è la notizia di una possibile intesa con il Tottenham del nuovo allenatore Antonio Conte, ma gli scenari sono ancora tutti da scoprire.

I rossoneri stanno comunque già studiando le soluzioni alternative nel caso il centrocampista ex Atalanta dovesse lasciare Milano, con l’ipotesi del ritorno di Tommaso Pobega che prende fortemente piede, anche a causa dell’ottimo rendimento del classe 1999 con la maglia del Torino.


Leggi anche:


L’esperto di mercato Gianluca di Marzio ha parlato della situazione rinnovi in casa Milan e lo ha fatto intervenendo ai microfoni di Sky Sport. Il giornalista ha inizialmente spiegato la situazione riguardante Franck Kessie: “Il Milan ha incontrato più volte l’agente di Kessie e ha fatto offerte altissime ma se il giocatore e l’agente pensano di guadagnare qualcosa di più, è chiaro che è difficile accontentarli. Devono capire se sul mercato internazionale troveranno certe offerte altrimenti dovranno tornare su basi più consone del valore dimostrato dal giocatore”.

Di Marzio ha poi aggiunto un commento sulla situazione che riguarda Alessio Romagnoli, anche lui in scadenza di contratto: “Se vuole rimanere al Milan non può guadagnare le cifre attuali, i contatti ci sono ma dovrà tornare su canoni diversi”. Il Milan continua quindi a monitorare entrambe le situazioni, anche perché il tempo per arrivare a un accordo c’è. Nel frattempo i rossoneri si concentrano sul campo, dal momento che domenica li attende una sfida cruciale contro l’Inter di Simone Inzaghi.