Ibrahimovic, l’obiettivo è importante: può riuscirci per la terza volta

In attesa di un finale di campionato che si prospetta molto tirato, Zlatan Ibrahimovic può raggiungere un importante obiettivo 

Lo abbiamo rivisto in campo, per alcuni spezzoni di partita, contro Napoli, Empoli e Cagliari dopo oltre un mese di stop per il risentimento al tendine d’Achille che lo aveva messo ko durante il match con la Juve di fine gennaio. Zlatan Ibrahimovic è tornato e si appresta ad affrontare un finale di stagione alquanto movimentato con tre obiettivi da raggiungere, la condizione ideale per un calciatore come lo svedese che ama sempre competere per traguardi importanti.

Zlatan Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic (La Presse)

Tra aprile e maggio, Ibrahimovic proverà a vincere il suo secondo Scudetto in carriera con il Milan dopo quello della stagione 2010-11, la prima in rossonero. Era da oltre un decennio che il Milan non si ritrovava in testa al campionato, a marzo. Anche all’epoca, nel 2012, c’era Ibra in quelle che sarebbero state le sue ultime partite in rossonero prima della cessione al PSG.

Oltre al campionato, il Milan è ancora in corsa per la Coppa Italia e si giocherà l’accesso in finale nel match di ritorno con l’Inter dopo lo 0-0 dell’andata. Qualora i rossoneri dovessero riuscire a conquistare la Coppa, Ibra, indipendentemente dall’epilogo del campionato, riuscirebbe a vincere almeno una volta, in carriera con il Milan, i tre trofei nazionali.

Prima di Scudetto e Coppa Italia però, Ibra può raggiungere un altro importante obiettivo, ovvero la qualificazione al Mondiale di Qatar 2022 con la Svezia, a un anno esatto dal suo ritorno in Nazionale a marzo 2021 dopo un’assenza che perdurava da ben cinque anni  ovvero dagli Europei di Francia 2016.

Ibrahimovic punta al Mondiale

ibra svezia
Ibrahimovic con la Svezia (©LaPresse)

Nella semifinale playoff, la Svezia ha eliminato la Repubblica Ceca, 1-0, con gol decisivo dell’ex Palermo, Quaison ai supplementari. Ibrahimovic non era in campo con i suoi a Stoccolma per la squalifica rimediata, in diffida, dopo l’ammonizione contro la Spagna nell’ultima partita del girone di qualificazione.

Zlatan tornerà a disposizione per il match decisivo con la Polonia in programma martedì 29 marzo a Varsavia. Con una vittoria della Svezia contro Lewandowski e compagni, qualificati d’ufficio alla finale in seguito alla squalifica della Russia, Ibrahimovic si qualificherebbe al suo terzo Mondiale in carriera con la nazionale scandinava, stesso traguardo raggiunto in passato da una leggenda del calcio svedese, l’attaccante Henrik Larsson, ex Feyenoord, Celtic e Barcellona.

Proprio con Larsson in squadra, Ibrahimovic era in campo nei Mondiali di Giappone e Corea 2002 (terminati agli ottavi con l’eliminazione contro il Senegal) e di Germania 2006 che la Svezia concluse con un altro ko agli ottavi contro i padroni di casa.

L’eventuale opportunità di disputare un altro Mondiale potrebbe condizionare la scelta di Ibrahimovic se proseguire o meno la carriera di un altro anno. Martedì scorso, in conferenza stampa, Zlatan ha rivelato di sentirsi nel panico alla sola idea di smettere con il calcio.