Rabiot alimenta le polemiche: “Difficile giocare in 11 contro 12”

Parole pesanti di Rabiot al termine di Juventus-Inter. Dichiarazioni, postate sui social (sul proprio profilo Instagram), destinate a far discutere non poco

Ancora una volta Juventus-Inter si è conclusa tra le polemiche. Il match di Torino, valevole per la trentunesima giornata di Serie A, non passerà certamente alla storia per il calcio spettacolo. E’ stata una partita in cui si sono visti tanti errori, da una parte e dall’altra, ma anche da parte della direzione arbitrale.

Adrien Rabiot
Adrien Rabiot (©LaPresse)

Massimiliano Errati è così finito nel mirino della critica. Ai bianconeri non è andata giù la direzione del fischietto 42enne di Firenze: tra ammonizioni mancate, che avrebbero dovuto portare ad espulsioni, e rigori dati, fatti ripetere e non assegnati, il match di Errati è stato davvero complicato.

Risulta alquanto difficile non parlare di arbitri dopo una gara del genere, dove si è giocato davvero poco. Tra chiamate al Var e proteste, spesso inutili, come nei minuti finali, in cui la Juve ha recriminato per dei rigori che non c’erano, si è giocato davvero poco al calcio.

Ieri uno dei migliori in campo, un po’ a sorpresa, è stato Adrien Rabiot. Il centrocampista francese, criticato da inizio stagione, ha sfornato una prestazione convincente, ad alta intensità, che ha portato i tifosi bianconeri  ad applaudirlo a termine del match.

Rabbia Rabiot

Rabiot, dopo la partita, si è reso protagonista di un post sui social, destinato a far discutere. Il calciatore di Massimiliano Allegri, senza usare troppi giri di parole, si è così espresso su Instagram: “Ottima partita, bravi tutti! Peccato il risultato, ma è difficile giocare a 11 contro 12!”. Il riferimento alla direzione arbitrale, che avrebbe condizionato il match a favore dell’Inter, appare davvero evidente. Un risultato che chiaramente non fa piacere nemmeno al Milan, che vede i nerazzurri adesso a tre punti di lunghezza.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Adrien Rabiot (@adrienrabiot_25)