Da Theo Hernandez a Ronaldo: tutti gli affari sull’asse Real-Milan

Negli ultimi giorni si sta parlando molto del possibile acquisto di Marco Asensio dal Real Madrid. Prima di lui Theo e Brahim, ma non solo…

Un Milan sempre molto attivo sul fronte calciomercato ha voglia di fare le cose per bene in grande stile nella prossima sessione estiva. Tutto questo per alzare ancor di più il tasso qualitativo del gruppo allenato da Stefano Pioli: solo in questo modo, investendo, si possono raggiungere traguardi sempre più ambiziosi.

Ronaldo presentazione al Milan
Ronaldo presentazione al Milan (©LaPresse)

Sono ormai diversi giorni che tutti i quotidiani ormai parlano dell’interessamento di Maldini e Massara nei confronti di un vero top player come Marco Asensio. Lo spagnolo milita nel Real Madrid e per diverse stagioni è stato un punto fermo dei blancos. Ora con Ancelotti non sta giocando con tantissima costanza ma resta un calciatore di assoluta qualità, tecnica e tattica. Potrebbe essere lui il colpo per la fascia destra offensiva del Milan del futuro? Chissà, intanto i tifosi sognano in grande.

La dirigenza è alla ricerca di un calciatore offensivo duttile, capace magari di agire su entrambe le corsie laterali. In particolar modo a destra Pioli non ha trovato una pedina che gli garantisca massima affidabilità e i nomi sulla lista della società iniziano a diventare tanti. Ma è proprio il nome di Asensio che ultimamente sembra aver superato tutti gli altri. La trattativa appare abbastanza complicata, sia per i costi del cartellino del giocatore sia per il suo ingaggio. Parliamo di cifre importanti che in questo momento il Milan non può permettersi di spendere, ma mai dire mai.

Nella storia del calcio, gli acquisti del Milan dal Real Madrid non sono stati tantissimi ma quei pochi che sono stati fatti sono tutti di qualità. Asensio non sarebbe il primo madridista a finire a Milano sponda rossonera, ce ne sono stati diversi altri prima di lui. A partire dalla storia più recente: Theo Hernandez e Brahim Diaz, infatti, sono prodotti del vivaio dei blancos e soprattutto il primo ha ottenuto la consacrazione definitiva in rossonero. L’altro, Brahim, è in prestito biennale dal Real Madrid e ora si valuta se riscattarlo o meno.

A partire dagli anni 2000, ci sono stati diversi colpi. Ricordiamo l’approdo al Milan di Redondo e Julio Cesar, anche se i due non sono rimasti nel cuore dei tifosi. A 30 anni tornò in Italia Ronaldo il Fenomeno, in una sorta di “sgarbo” ai cugini dell’Inter. Iconico quel gol nel derby ed esultanza con le mani portate alle orecchie. E poi Emerson, Diego Lopez, il ritorno di Ricky Kakà nel 2013. Fece bene con la maglia del Milan Klass-Jan Huntelaar, approdato a Milano per 15 milioni di euro.

Non tanti acquisti dal Real Madrid, ma tutti in qualche modo hanno lasciato il segno. Lo stanno facendo Theo e Brahim, speriamo possa farlo presto anche Marco Asensio