Pioli: “Maldini orgoglioso? Noi orgogliosi di avere un dirigente così”

Segui con noi LIVE la conferenza di Stefano Pioli alla vigilia di Milan-Fiorentina. Il Mister parlerà alle ore 14.15…

Tra poco più di 24 ore il Milan di Stefano Pioli ritornerà in campo con l’obiettivo di continuare a racimolare punti. Ci sarà la Fiorentina a far da rivale, una squadra che molto probabilmente si presenterà grintosa e arrabbiata visti gli ultimi deludenti risultati.

Stefano Pioli
Stefano Pioli (©LaPresse)

I rossoneri, però, non possono permettersi cali di attenzione, e senza frenesia dovranno fare il tutto per tutto per portare a casa i 3 punti. Mancano soltanto quattro gare alla fine del campionato, e il Milan, capolista, deve credere fino in fondo nella possibilità di aggiudicarsi lo scudetto.

Il destino è tutto nella mani della squadra di Pioli, e questo anche grazie al clamoroso scivolone dell’Inter nel recupero contro il Bologna. Sono rimasti due i punti di vantaggio sui nerazzurri secondi in classifica, per questo si deve avere fortemente fiducia nei propri mezzi e tirare fuori le ultime energie.

In casa Milan si respira una bella aria di ottimismo, grazie anche al recupero dall’infortunio di Ismael Bennacer. L’algerino è tornato ieri ad allenarsi un gruppo. Una notizia tanto positiva e che fa ben sperare. Bennacer si è dimostrato decisivo in queste ultime settimane, confermando la sua centralità nel gioco e nelle idee di Stefano Pioli.

Probabilmente, il mediano algerino partirà già titolare domani pomeriggio contro la Viola di Italiano. Ma per saperne di più, su formazione e ultimi aggiornamenti sulla squadra, non ci resta che ascoltare la conferenza stampa di Stefano Pioli. Il mister parlerà, come di consueto oggi, alla vigilia della gara. Appuntamento alle ore 14.15.

Segui con noi la LIVE testuale della conferenza.

Le parole di Pioli

Su Maldini emozionato: “Si è detto orgoglioso del nostro percorso, e io e lo staff siamo orgogliosi di avere dirigenti di questi livelli”.

Su come stanno i ragazzi: ”Noi abbiamo sempre pensato che la cosa migliore è concentrarsi sulla prossima partita. Ho visto generosità, impegno e attenzione. E sono le cose che ci serviranno domani”.

Sul passo falso dell’Inter: “Cuore caldo e testa lucida credo siano sempre le caratteristiche migliori. Giochiamo un calcio aggressivo, ma dobbiamo essere lucidi nel capire quando la partita cambia. Contro la Lazio abbiamo avuto un approccio negativo, ma poi abbiamo capito, c’abbiamo creduto. Nessuno di noi sta pensando al 22 maggio. Stiamo pensando a domani, e così deve essere. Le percentuali sono cambiate. Quello che conta è domani, e tra l’altro affrontiamo una squadra che gioca un buon calcio, aggressivo, veloce. Noi dobbiamo fare quello che ci compete, e dobbiamo giocare da Milan”.

Su come giocherà la Fiorentina: ”Difficile fare previsioni. Sicuramente la Fiorentina è una squadra che ama aspettare. Noi dobbiamo essere molto bravi a scegliere i tempi di smarcamento o palleggiare di più quando la partita lo permette”.

Sulla poca credibilità che il Milan ha all’esterno: “Se siamo apprezzati o meno fuori non mi interessa. Mi importa quanto ci apprezziamo noi, e quanto ci crediamo noi. Abbiamo dei limiti, ma sappiamo di valere i nostri risultati”.

Dove trovare certezze e stimoli per non incepparsi: ”Dobbiamo ripartire dai due gol fatti, perchè in quelli c’è tanto delle nostre caratteristiche. Da Leao, alla scivolata di Giroud, al recupero di Giroud, a Ibrahimovic e Tonali che ci ha creduto e ha fatto gol. Dobbiamo guardare ai due gol contro la Lazio. E il livello della Fiorentina è molto alta, quindi noi dobbiamo tenerlo ancora più alto”.

Sulle condizioni della rosa: “I non convocati saranno Kjaer e Florenzi e Daniel Maldini che ha un affaticamento. Per Florenzi si spera di riaverlo già prossima settimana”.

Su Bennacer: “Sta sicuramente meglio. Sta bene, non credo che sia sottovalutato. Almeno non da me, dallo staff e dai compagni. Credo sia un centrocampista completo”.

Se le difficoltà passate aiuteranno: ”Devono dare una carica ulteriore. Le sfide che hai passato devono darti la consapevolezza di doverci credere fino all’ultimo, e pensare che quello che stiamo facendo è la strada giusta”.

Sui gol presi nei primi minuti contro Inter e Lazio: “È qualcosa su cui dobbiamo pensare bene e capire bene. Ci abbiamo lavorato. L’approccio deve essere più attento e deciso. Chiaro che non possiamo chiudere subito le partite, ma almeno tenere un equilibrio iniziale è molto importante”.

Gara contro la Fiorentina decisiva per lo scudetto? “Si, ma come lo era quella contro la Lazio. E ti dirò lo stesso di quella contro il Verona”.

Le domande di Twitch

Quanto saranno importanti le emozioni domani: ”Le emozioni saranno essenziali. Abbiamo un modo di giocare che ci deve prendere il cuore. Il fatto di essere entusiasti, di avere passione, non ci deve far agire con frenesia. Ma deve camminare pari passo con la lucidità nel gioco”.

Come ha gestito mentalmente il gruppo in questa settimana: ”Abbiamo semplicemente preparato la partita per quelli che sono i nostri concetti di gioco. Sapendo che dentro la partita dobbiamo metterci tutto quello che abbiamo”