Ibrahimovic, decisione presa: la condizione per dire addio

Zlatan Ibrahimovic sempre più vicino all’addio al calcio giocato? Svelata la scelta dell’attaccante svedese secondo chi gli è vicino.

Chi lo conosce bene e chi lo frequenta quotidianamente dice che è carico a pallettoni per il finale di stagione. Erano anni che Zlatan Ibrahimovic non si tornava a giocare un grande trofeo con la propria squadra.

ibra
Zlatan Ibrahimovic (©Ansa Foto)

Il Milan in queste ultime gare ha un’importante arma in più. Il carisma e la leadership di un attaccante straordinario, anche a 40 anni suonati, capace per fisicità ed esperienza di indirizzare certe partite.

Oggi contro il Verona partirà ancora dalla panchina, ma la gestione da parte di Stefano Pioli sembra azzeccata. Giroud confermato titolare, a mettere in apprensione la difesa avversaria e stancarla, poi Ibra dentro negli ultimi 20-30 minuti a dare qualità ed imprevedibilità. Mossa che è divenuta vincente sia contro la Lazio che contro la Fiorentina, dove il Milan ha vinto negli ultimi istanti di gara.

Scudetto e poi addio? Zlatan sembra pronto

Intanto si continua a parlare del futuro di Ibrahimovic. Un calciatore fortissimo ma dall’età ormai non più verde. Lo svedese ha sempre affermato di voler giocare finché si diverte, finché il suo fisico non gli presenterà il conto. Le motivazioni per continuare ci sarebbero anche, ma i tanti stop muscolari lo rendono meno sicuro di sé.

L’ipotesi di un ritiro dal calcio giocato sembra sempre più concreta, malgrado la volontà del giocatore stesso. Come scrive oggi il Corriere della Sera, potrebbe essere spuntata una condizione che farebbe propendere Ibra per un addio al Milan ed alla carriera sul campo a fine stagione.

In caso di vittoria dello Scudetto, Ibrahimovic sarebbe pronto ad appendere gli scarpini al chiodo. Una decisione drastica, ma dettata sia dall’età sia da un finale in grande stile. Il numero 11 avrebbe così mantenuto le promesse: quando è tornato al Milan, nel gennaio 2020, ha subito parlato di vittorie e di ritorno ad alti livelli e regalare il titolo ai suoi tifosi sarebbe il commiato più bello.

Non è detto che anche con un secondo posto finale Ibrahimovic non possa comunque decidere di abbandonare per fine contratto. Ma in quel caso verrebbero fatte maggiori riflessioni sia da parte sua che dal club stesso. Ma cosa farà Ibra dopo il ritiro? Tante le opzioni per il forte centravanti: si vocifera di un ingresso nella società del compianto agente Mino Raiola, oppure una carriera da dirigente sportivo. Ma c’è persino chi lo vede benissimo nel mondo di tv e spettacolo.