Tonali, che crescita rispetto alla scorsa stagione: il dato è clamoroso – FOTO

Sandro Tonali è il cuore pulsante di questo Milan. Lo ha dimostrato ancora una volta ieri contro il Verona, non soltanto per la doppietta realizzata

Sandro Tonali è preso la squadra in mano già dall’inizio di questa stagione. Chi lo avrebbe mai immaginato dopo un’annata, quella scorsa, in cui non è riuscito ad imporsi e sembrava ormai fuori dal progetto rossonero? Beh, sicuramente Paolo Maldini che insieme a Massara ha deciso di dargli ancora un’altra possibilità. Sandro, dal canto suo, l’ha sfrutta al meglio.

Sandro Tonali
Sandro Tonali (©LaPresse)

Il capitano del futuro del Milan aveva già fatto capire in qualche modo che quest’anno le cose sarebbero andate diversamente con un gesto d’amore arrivato in estate, esattamente quando ha deciso di ridursi notevolmente lo stipendio pur di tornare a vestire definitivamente la maglia rossonera. Diventato leader assoluto del centrocampo, viene paragonato a Gattuso per la grinta e la cattiveria agonistica che mette praticamente in ogni partita. Lui stesso ha ammesso che inizialmente lo chiamavano “il nuovo Pirlo” ma che lui si sente più un “Ringhio“.

Così importante per il Milan e per i tifosi che il cantante DaniFaiv gli ha dedicato una canzone diventata virale nel giro di pochissimo tempo. “Sandro Tonali” il titolo, un ritornello presente già nella suoneria di diversi tifosi milanisti. In questo momento Sandro Tonali è il Milan. Iconico il suo gol allo scadere contro la Lazio, quella rete che ha riacceso le speranze Scudetto. Ieri la doppietta contro l’Hellas Verona, anche se le realizzazioni sarebbero potute essere tre se non avesse avuto la punta del piede in fuorigioco dopo solo un quarto d’ora dal fischio d’inizio. L’esultanza sotto la Curva Sud, la garra che tanto piace ai tifosi moderni, la sensazione di essere difronte ad un calciatore che si prenderà il palcoscenico azzurro nei prossimi anni.

Il Tonali di quest’anno è solo un lontano parente di quello della scorsa stagione

A testimoniare tutto ciò che abbiamo detto finora sono i numeri. Parlare è troppo semplice, lo fanno in tanti, ma i fatti si dimostrano attraverso dati scritti e certificati. E’ proprio il caso di Sandro, dato che le statistiche personali rispetto alla scorsa stagione sono clamorose.

Partiamo innanzitutto dalle gare giocate. Un anno fa erano soltanto 24, adesso ben 34 su 36. Zero reti e zero assist nel passato campionato, adesso è rispettivamente a quota cinque e due. Tonali è migliorato in tutto, anche nella percentuale di passaggi riusciti (da 84% a 86%), nella media dei palloni giocati (da 37,8 a 53,9)  e nella media dei palloni recuperati (da 4,0 a 5,4).

Insomma, è un Tonali rigenerato, un Tonali diverso. E’ un Tonali migliore, è un Tonali leader.