Milan, parla il presidente: “Decidono loro cosa fare”

Il club non molla il giovane attaccante e spera di poterlo avere anche nella prossima stagione: parola ai rossoneri

Il Milan è chiamato in questo mese di giugno, oltre che a porre le basi per le operazioni in entrata, anche ad occuparsi dei giocatori di rientro dai prestiti alle altre società.

Maldini e Massara
Maldini e Massara (©LaPresse)

E’ stata già risolta la situazione che riguarda Tommaso Pobega, con il centrocampista che rientrerà alla base e si aggregherà al gruppo di Pioli, con tanto di rinnovo a breve. Ci sono però da risolvere anche altre situazioni e tra queste quella del futuro di Lorenzo Colombo. Il giovane attaccante è reduce una stagione alternante in prestito alla Spal in Serie B.

Il classe 2002 era partito alla grande con i ferraresi, arrivando addirittura a 6 gol già nel mese di novembre, dopodiché non è però arrivata più nessuna marcatura. Parliamo comunque della prima esperienza tra i professionisti per lui, dopo essere cresciuto nel settore giovanile dei rossoneri.

La Spal non molla Colombo: le parole di Tacopina

Intanto il presidente della Spal, Joe Tacopina, si è così espresso su una possibile permanenza del ragazzo in Emila Romagna: “Per Lorenzo ho parlato sia con Maldini che con Massara. A noi ovviamente piacerebbe riaverlo, ma sta al Milan decidere se preferiscano che il ragazzo abbia un’opportunità in un club di Serie A, o se mandarlo nuovamente a fare esperienza in B. Se così fosse, la Spal si candida ad averlo ancora in squadra, ma al momento non ho ancora chiarezza di quello che sarà”. A riportare le sue dichiarazioni è Estense.com.

Ricordiamo che nelle scorse si era fatto vivo anche l’Empoli di Aurelio Andreazzoli, interessato ad aggiudicarsi le sue prestazioni per il prossimo anno. Ma è ancora tutto da decidere. Ricordiamo che la Lega stava preparando nuove regole più stringenti riguardo i prestiti e pertanto anche i rossoneri dovranno tenere la situazione sotto controllo da questo punto di vista.