Napoli, De Laurentiis indagato per l’affare Osimhen

Il presidente del Napoli è stato indagato per ipotesi di falso in bilancio. Perquisizioni a Castel Volturno, Roma e anche in Francia

Doccia fredda, anzi ghiacciata, per il Napoli di Aurelio De Laurentiis. Il presidente dei partenopei è sulla lista degli indagati per una questione relativa all’acquisto di Victor Osimhen, arrivato in Italia nell’estate del 2020. Una situazione che non farà di certo felici i tifosi azzurri, andiamo a vedere nel dettaglio cosa sta accadendo in queste ultime ore.

Aurelio De Laurentiis
Aurelio De Laurentiis (©LaPresse)

Ipotesi di falso in bilancio: questa l’accusa nei confronti di Aurelio De Laurentiis, presidente dell’SSC Napoli. I fatti risalirebbero all’estate del 2020 quando ha acquistato per il suo club l’attaccante nigeriano Victor Osimhen, che precedentemente militava in Francia, esattamente nel Lille.

Nell’operazione di mercato rientrarono anche Karnezis ed i giovani Manzi, Palmieri e Liguori. Le indagini sono cominciate grazie alla Guardia di Finanza e procederanno in tre località diverse: Castel Volturno, Roma e in Francia.

Una situazione delicata dunque in casa Napoli. La società già in precedenza era finita sotto la lente di ingrandimento della Procura Federale, poi assolta. Ma adesso sono state le Fiamme Gialle ad intervenire e la cosa si fa più seria e delicata. Di certo il club proverà a difendersi e mostrare la propria innocenza nelle sedi opportune.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da MilanLive.it (@milanliveit)