Infortunio Origi, come procede il recupero: arrivano buone notizie

L’attaccante belga Divock Origi è per ora l’unico volto nuovo del Milan, ma è ancora alle prese con un infortunio da smaltire.

Il Milan che in questi giorni si sta allenando con grande volontà a Milanello, per preparare la nuova stagione, non vanta molti volti nuovi arrivati dal mercato.

origi
Divock Origi (©Ansa Foto)

Se si escludono i giovani Adli e Pobega, rientrati dai rispettivi prestiti, l’unico nuovo innesto risulta essere Divock Origi. L’attaccante belga è stato il primo e finora unico acquisto effettuato dal Milan nell’estate 2022.

L’ex Liverpool è stato subito inquadrato come colpo d’esperienza, un innesto intelligente anche perché arrivato a parametro zero, utilissimo in attacco in attesa del rientro a pieno regime di Zlatan Ibrahimovic.

Infortunio Origi, come sta: le ultime sul rientro

Come è ormai risaputo, Origi è però arrivato a Milanello con un problema fisico. Sta smaltendo una lieve lesione muscolare che lo ha costretto a saltare la prima parte di preparazione con il resto dei compagni.

Il programma di questi giorni dell’ex Liverpool è specifico e personalizzato, una lenta e continua ricerca della forma migliore, ma soprattutto sarà importante recuperare a pieno dallo stop muscolare per non incappare in ulteriori problemi.

Milanello
Centro sportivo Milanello (Ansa foto)

Da Milanello arrivano buone sensazioni: l’attaccante sta lavorando secondo la tabella di marcia prevista e dovrebbe rispettarla in pieno. Non sarà però un allenamento accelerato, visto che Origi resterà a lavorare a parte per tutto il mese di luglio.

Il rientro in gruppo definitivo è previsto per i primissimi giorni di agosto. Dunque Origi, come già ipotizzato, salterà le amichevoli di luglio contro Colonia, Zalaegerszegi, Wolfsberger e Marsiglia. L’obiettivo dichiarato è sempre lo stesso: Origi vuole essere abile ed arruolabile in tempo per Milan-Udinese, prima giornata di campionato, prevista per il 13 agosto prossimo.

Nel frattempo l’attacco rossonero sarà ancora guidato dal veterano Olivier Giroud. Ma occhio anche ai giovani: in queste settimane mister Pioli potrebbe provare a lanciare qualche giovane in prima squadra. Come il serbo Marko Lazetic, giunto a gennaio scorso dalla Stella Rossa, o lo svedese Emil Roback, pupillo del connazionale Ibra, il quale però potrebbe rientrare nell’affare De Ketelaere con il Brugge.