Moviola Sampdoria-Milan: rigore netto per i rossoneri, mani di Villar

I maggiori episodi da moviola di Sampdoria-Milan, match diretto dal signor Fabbri con diverse situazioni che fanno discutere.

Match molto intenso e ricco di emozioni quello tra Sampdoria e Milan allo stadio Marassi. Ad arbitrarlo è il signor Michael Fabbri, mentre al VAR è presente Rosario Abisso.

screen dazn
Lo screen DAZN

Diversi gli episodi da moviola già nel primo tempo della sfida. Il vantaggio rossonero al 6′ minuto di Junior Messias è ampiamente regolare, soprattutto sul movimento in verticale di Giroud, che quando riceve palla (prima di smistarla in area) è in posizione corretta, tenuto in gioco da Murillo.

L’arbitro Fabbri poco minuti dopo grazia Theo Hernandez per un intervento dubbio in ritardo su Bereszynski al limite della propria area, con il direttore di gara che fa giocare. Sulla ripartenza Milan viene invece ammonito Leao, autore di una sbracciata su Ferrari piuttosto palese.

L’episodio più rilevante a tema arbitrale del primo tempo arriva al minuto 21. Il Milan raddoppia con un colpo di spalla di De Ketelaere, che anticipa Audero e segna il suo primo gol stagionale. Rete però annullata dalla chiamata VAR: Abisso segnala un fuorigioco di Giroud ad inizio azione, con l’attaccante del Milan che partecipa attivamente saltando su cross di Calabria.

 

La moviola del secondo tempo: subito rosso per Leao!

Incredibile l’inizio della ripresa di Sampdoria-Milan. Dopo neanche un minuto Rafael Leao viene espulso dall’arbitro Fabbri per aver colpito in pieno volto Ferrari. Il difensore, che si è preso un colpo in faccia dopo la rovesciata del portoghese, è rimasto contuso. Severissimo il direttore di gara che al 47′ lascia il Milan in dieci.

Il Milan non protesta per la seconda ammonizione a Leao, bensì per il giallo severo del primo tempo, con Fabbri che è stato intransigente sull’ammonire la prima volta l’attaccante per una manata involontaria.

leao
Il fallo di Leao (screen Sky Sport)

Poco dopo la Sampdoria pareggia con Filip Djuricic. Un episodio anche questo dubbio, perché il centrocampista serbo segna sul filo del fuorigioco, ma il VAR convalida la rete dell’1-1.

Al 66′ il Milan torna avanti grazie al rigore di Olivier Giroud. Un penalty netto, anche questo scovato dal VAR che richiama l’arbitro Fabbri: nel replay si evince come Villar devii il pallone in piena area doriana con la mano destra.

Al 76′ rischia Kjaer in area di rigore rossonera. L’intervento del danese sembra un’ostruzione su Sabiri, ma Fabbri decide di far proseguire sotto i fischi di protesta del Marassi.