Milan-Napoli, emergenza in attacco: tutte le soluzioni per Pioli

Il tecnico rossonero ha poche alternative nel reparto avanzato contro la squadra di Spalletti e sta valutando le varie ipotesi

Con il successo in casa della Sampdoria, il Milan torna momentaneamente al vertice e si sblocca anche in trasferta. I rossoneri ottengono una vittoria di carattere, tornando in vantaggio e battendo i blucerchiati anche in dieci uomini.

Pioli e Murelli
Pioli e Murelli (©LaPresse)

Una vittoria di spessore che evidenzia ancora una volta la determinazione di questo gruppo, capace di tirare fuori il meglio proprio nelle difficoltà. Le difficoltà stavolta sono nate con l’espulsione di Rafa Leao nei minuti iniziali del secondo tempo del match del Ferraris. I rossoneri hanno guadagnato quindi tre punti molto importanti ma ora c’è da affrontare un’emergenza seria in attacco per le prossime partite.

Se infatti ad inizio stagione la coperta era corta a centrocampo, adesso è in attacco che mancano le alternative, e in particolare in vista dell’importante big match di domenica prossimo a San Siro contro il Napoli. In Champions con la Dinamo Zagabria ci sarà comunque Leao e quindi dovrebbe cambiare poco, con Pioli che chiederà gli straordinari a Giroud davanti e che probabilmente darà spazio a Brahim Diaz.

Con i partenopei invece sorgono i maggiori problemi, perché la squalifica del portoghese va ad aggiungersi ai problemi fisici di Ante Rebic e Divock Origi. Le soluzioni che potrebbe scegliere il tecnico emiliano sono varie, anche se tutte improvvisate e d’emergenza. La prima fa pensare all’adattamento di De Ketelaere sulla sinistra al posto di Leao, anche lì il belga non ha mai giocato e lo stesso Pioli ha detto di vederlo meglio quando parte in zona centrale.

Milan, possibile anche il cambio di modulo contro gli azzurri

Un’altra idea porta a Rade Krunic, il tuttofare del Milan che spesso a tappato i buchi in queste situazioni, ricoprendo tutti i ruoli del centrocampo. Il bosniaco dovrebbe tornare disponibile e rappresenta una soluzione in alto a sinistra nel 4-2-3-1, anche se molto forzata. Altrimenti c’è chi pensa a un possibile recupero di Origi e quindi a un probabile orientamento verso il 3-5-2.

L’ex Liverpool andrebbe a far coppia con Olivier Giroud, sempre che quest’ultimo non debba accusare la fatica per le troppe partite, e sugli esterni andrebbero a giocare Theo Hernandez e Sergino Dest. Diverse soluzioni quindi per Pioli, anche se bisogna ancora vedere come procederanno i recuperi degli infortunati e se non arriveranno ulteriori problemi con la sfida di Champions contro la Dinamo.