Milan, Rebic inferiore solo a Haaland: i numeri sono impressionanti

L’attaccante rossonero secondo solo dietro al norvegese in una speciale classifica: i numeri sono incredibili

Empoli-Milan ha confermato ancora una volta la capacità del Milan di combattere fino alla fine delle partite e di arrivare all’obiettivo nonostante le tante difficoltà, ma ha dimostrato anche l’importanza di un giocatore in particolare.

Rebic
Rebic (©LaPresse)

Parliamo di Ante Rebic. L’attaccante croato è risultato ancora una volta decisivo, entrando dalla panchina e mettendo a segno il gol del momentaneo 0-1 dei rossoneri. Il suo recupero dall’infortunio si è rivelato ancora una volta provvidenziale, e il suo ingresso in campo ha aiutato la squadra a sbloccare un incontro che era tutt’altro che semplice.

Ma ciò che stupisce davvero sono i numeri di Rebic, che al momento sono davvero pazzeschi. Il 29enne è secondo in una speciale classifica dietro a un certo Erling Haaland. Il croato infatti ha una media di 1 gol ad ogni 20 palloni toccati, secondo solamente al centravanti del Manchester City. Il norvegese è infatti a 1 gol ogni 14 palloni toccati

Pioli ha sempre confermato l’importanza di questo giocatore, come ha fatto anche nella conferenza stampa di vigilia al match contro i toscani. Rebic è stato vittima di un infortunio che lo ha tenuto fermo per diverse settimane ma il suo rientro potrà essere fondamentale per il Diavolo in vista dei tanti impegni ravvicinati in programma. Giroud potrebbe accusare anche un calo, come è anche giusto che sia, ma con un Rebic così Pioli può stare tranquillo.