L’ex Milan assicura: “Il suo talento si vedeva già allora”

Il centrocampista ha ricordato il suo passato in rossonero e ha raccontato alcuni aneddoti della sua esperienza con il Diavolo

Stasera il Milan affronta il Chelsea nella quarta giornata del girone di Champions League e della sfida ha parlato anche un doppio ex come Marco Van Ginkel, che in passato ha vestito sia la maglia rossonera che quella dei Blues.

Milan 2014-15
Milan 2014-15 (©LaPresse)

Il centrocampista olandese oggi è capitano e leader del Psv Eindhoven, la squadra nella quale aveva militato in ambito giovanile e dove è tornato dal 2020. Il trentenne ha rilasciato una lunga intervista alla Gazzetta dello Sport analizzando la sfida di stasera, ma non solo. Il giocatore, che ha giocato al Milan nella stagione 2014-15, proprio in prestito dal Chelsea, ha anche raccontato vari retroscena della sua esperienza milanese, a partire dalla trattativa che lo ha portato al Diavolo.

“Ho parlato a lungo con Galliani, che mi ha spiegato la situazione. Era presente quando ho firmato il contratto. Anche Fernando Torres ha spinto per il trasferimento”. Van Ginkel era arrivato a Milanello in un periodo abbastanza buio del club, come lui stesso ammette: “Non avevamo un messi ma c’erano molti buoni giocatori. Menez aveva spunti impressionanti. Il talento di Donnarumma era già evidente da allora”.

Il centrocampista ha ricordato anche un simpatico aneddoto con l’allenatore di allora, ovvero Pippo Inzaghi: “Ricordo ancora il primo incontro. Fu esilarante perché mi parlò in italiano e io dopo un po’ dovetti fermarlo perché non stavo capendo nulla. Ridemmo molto”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da MilanLive.it (@milanliveit)