Torino-Milan, quella sconfitta decisiva per la storia rossonera

Torino-Milan si può considerare una classica della Serie A. Tanti i precedenti significativi tra le due squadre. Per i rossoneri in particolare c’è una sconfitta da … ricordare

Torino-Milan, un match significativo nelle ultime tre stagioni per i rossoneri che all’Olimpico hanno rimediato una sconfitta, una vittoria e un pareggio.

Filippo Inzaghi
Filippo Inzaghi (Ansa Foto)

Nel 2019, il 2-1 in rimonta firmato da Belotti ha acuito la crisi dei rossoneri allenati da Giampaolo che di lì a poco sarebbe stato esonerato e sostituto da Pioli. Proprio con l’attuale tecnico rossonero, il Milan si è imposto 0-7 a Torino nella stagione seguente, conquistando tre punti decisivi per il ritorno in Champions nel finale di campionato. Lo scorso anno, infine, uno 0-0 ad aprile che poteva costare carissimo nella lotta Scudetto con l’Inter con quest’ultima ancora attesa dal recupero con il Bologna.

Tra i vari precedenti disputati con il Torino nel nuovo millennio ce ne è tuttavia da ricordare uno per … una sconfitta destinata a cambiare la storia del Milan e di alcuni dei calciatori in campo quella sera.

Milan, quella sconfitta decisiva con il Torino

Era il 4 novembre 2001 e il Milan allenato da Terim, già in ritardo in classifica in campionato, perde al Delle Alpi contro i granata. Decisivo il gol di Cristiano Lucarelli, attaccante che spesso si esaltava quando incrociava i colori rossoneri. Nel finale di partita, Pippo Inzaghi sbaglia il rigore del possibile pareggio, calciando alto sulla traversa il pallone destinato a cambiare la storia rossonera.

L’indomani, infatti, la sconfitta di Torino causa l’esonero di Terim. Al suo posto, dopo essere stato a un passo dalla firma con il Parma, arriva un certo Carlo Ancelotti. Con il nuovo allenatore in panchina, quella stagione del Milan termina al terzo posto in classifica, piazzamento conquistato in extremis che vale l’accesso ai preliminari della successiva edizione di Champions League.

Nell’estate 2002 si giocano i Mondiali e il Milan inizia una sontuosa campagna acquisti che porta in rossonero Nesta, Seedorf, Rivaldo, Tomasson e Simic che vanno ad aggiungersi a Pirlo, Rui Costa e Inzaghi arrivati nella stagione precedente.

Proprio Inzaghi, dopo aver sbagliato il rigore a Torino che ha consentito ad Ancelotti di arrivare sulla panchina del Milan, sarà decisivo nel preliminare contro lo Slovan Liberec per la qualificazione ai gironi di Champions 2002-2003, competizione che il Milan vincerà in finale con la Juventus. Il resto della storia con Ancelotti allenatore lo conoscete tutti …