Maldini non ha preoccupazioni: “Per fortuna ci siamo abituati”

Il dirigente rossonero spiega che il club è abituato a questo tipo di situazione e l’ambiente rende tutto più facile

Il Milan in settimana ha raggiunto un traguardo davvero importante perché grazie al successo sul Salisburgo è tornato a qualificarsi per gli ottavi di finale di Champions League, che mancavano dal 2014.

Maldini
Maldini (©LaPresse)

Un traguardo davvero meritato per la squadra di Stefano Pioli, dopo due anni e mezzo ad altissimi livelli. Ora il Diavolo torna fra le migliori sedici d’Europa e attende il sorteggio lunedì per sapere chi si troverà di fronte a febbraio per provare a raggiungere i quarti. Chi è ben consapevole della portata dell’obiettivo raggiunto è sicuramente Paolo Maldini, che con questa società ha fatto grandi cose nella competizione in passato.

Il dt dei rossoneri ha parlato ai microfoni di Mediaset dopo il passaggio del turno, ricordando l’appeal del club rossonero in Europa: “Grazie a Dio siamo la seconda squadra più vincente in Europa, sono stati molti più i picchi verso l’alto che le discese. Ma non abbiamo né paura né vergogna di parlare di queste cose, perché capiamo che nel calcio esiste anche la sconfitta che fa male e noi ad esempio abbiamo perso quella finale ad Istanbul”.

Maldini ha spiegato che a Milanello l’atmosfera è delle migliori per prepararsi a questo tipo di sfide e pressioni: “La nostra capacità di rialzarci è sempre stata grande perché abbiamo un ambiente che è abituato a questo tipo di pressioni. Di conseguenza anche i giocatori trovano tutto quello di cui necessitano per fare del loro meglio”.