Pioli: “Dobbiamo segnare più gol e subirne meno. Tottenham? Altro step da superare”

Pioli in conferenza stampa alla vigilia di Cremonese-Milan: ha parlato sia della sfida di Serie A che del confronto col Tottenham in Champions League.

Stefano Pioli ha sostenuto la consueta conferenza stampa nel giorno che precede Cremonese-Milan. Diversi i temi affrontati dal mister rossonero.

Stefano Pioli
Stefano Pioli (foto MilanLive)

Un commento sul sorteggio di Champions League contro il Tottenham:Saranno due sfide complicate contro una squadra forte e un allenatore che ci conosce. Sarà una grande sfida e la giocheremo con grande fiducia e consapevolezza“.

La partita contro la Cremonese:Dobbiamo giocare bene e con continuità. Non dobbiamo farci condizionare dagli episodi o dai cambiamenti di risultato. Dobbiamo giocare come sappiamo. Loro sono molto motivati e determinati, ma dobbiamo esserlo anche noi. Dobbiamo rimanere attaccati al Napoli“.

Ancora sul Tottenham:Sarà una partita giocabile, ma lo sarebbe stato anche con altre avversarie. Non esistono squadre perfette o imbattibili. Il nostro livello di prestazione dovrà essere molto alto, dovremo giocare con convinzione. Il Milan ha numeri negativi contro le inglesi, avremo un’occasione per fare bene“.

Le condizioni di Ibrahimovic:Ci auguriamo che rientri presto. Il suo recupero procede bene“.

Un commento su Antonio Conte:Un grande allenatore, ha vinto ovunque. Da mentalità e identità alle sue squadre. Il Tottenham è molto ordinato e compatto, con delle individualità fortissime come Kane, Son, Perisic, Kulusevski… Penso sia una sfida affascinante ed equilibrata“.

Risolvere il problema nell’affrontare le squadre inglesi in Europa: “Lo vedremo tra tre mesi. Il livello della Premier è molto alto. Da tempo non c’erano tre italiane gli ottavi, il nostro livello sta crescendo. Questo sarà un altro step da superare del nostro percorso. Dobbiamo cercare di fare bene già dalla prima partita“.

La situazione di De Ketelaere:Nella fase offensiva tutti hanno libertà di muoversi e creare soluzioni. Charles quando abbiamo la palla deve fare quello che si sente e collaborare coi compagni. Senza palla ha dei punti di riferimento da rispettare e lo sta facendo. Sarà titolare domani? Deciderò in base all’allenamento di oggi. I giocatori devono pensare alla qualità dei minuti che giocano e non alla quantità“.

Le prospettive di Lazetic e degli altri Primavera:Abbiamo visto la tripletta di Marko. Sono felice, lavora tanto ed è ambizioso. Seguiamo tutti, li faremo giocare quando lo riterremo opportuno. Non guardo la carta di identità“.

Poca lucidità sotto porta:Tutte le cose si possono migliorare. Bisogna capire che gli episodi possono passare da positivi a negativi per mezzo centimetro. Importante continuare a creare occasioni, però serve segnare qualche gol in più per quanto creiamo. È un obiettivo sicuramente“.

Ruolo di Krunic:È un centrocampista di lavoro e inserimento. Quando gioco a tre ha caratteristiche diverse dagli altri. È un giocatore intelligente, non è importante se gioca più avanti o più indietro. Dipende dalle partite e dalle caratteristiche dei centrocampisti che voglio schierare“.

Chi potrebbe essere decisivo contro il Tottenham in Champions League:Chiunque può pensare di essere decisivo nelle partite importanti. Ho sottolineato i risultati negativi contro le inglesi per dare grandi motivazioni“.

Difesa troppo bucata a volte:Manca un po’ di attenzione e di collaborazione. Parlare in campo è molto importante. Contro lo Spezia ci siamo abbassati troppo e abbiamo perso una palla fuori area. Serve essere attenti a ogni dettaglio che può fare la differenza. Più attenzione e comunicazione servono. Possiamo fare tanti gol ed evitare di prenderne ci darebbe maggiore garanzia di fare risultati positivi“.