Non voleva più andare all’Inter: “L’ho trovato ingiusto”

Il calciatore ha raccontato il retroscena nell’intervista: era deluso per quello che dicevano nei suoi confronti

Ogni tanto a posteriori vengono fuori alcuni retroscena di mercato e questo lo si deve alle dichiarazioni dei diretti interessati, che rivelano come sono andate nello specifico le cose in merito alle trattative.

Inzaghi
Inzaghi (©LaPresse)

Un retroscena relativo a un affare chiuso nella fase finale nella scorsa sessione di mercato è stato raccontato appunto proprio nelle ultime ore dal giocatore che si è trasferito all’Inter. Parliamo di Francesco Acerbi, che è passato in nerazzurro dalla Lazio negli ultimi giorni utili per i trasferimenti in questa estate. Il difensore era al centro di tante polemiche in quel periodo, soprattutto con i tifosi biancocelesti che non lo volevano più a Roma.

Il difensore è tornato di nuovo sul suo trasferimento in un’intervista rilasciata al Corriere dello Sport, nel quale ha anche analizzato i suo primi mesi all’Inter. Il classe ’87 era in uscita dalla squadra di Sarri ma fino all’ultimo non è stato ben chiaro quale sarebbe stata la sua destinazione, tanto che per qualche settimana il suo nome è stato accostato anche al Milan, che cercava un centrale per rimpiazzare la partenza di Alessio Romagnoli. Maldini e Massara hanno poi virato sul giovane Malick Thiaw. Si sarebbe trattato di un ritorno perché Acerbi ha militato in rossonero nella stagione 2012-2013.

Acerbi stava per far saltare il trasferimento per le voci sul suo aiuto al Milan

Il difensore ha raccontato appunto il retroscena secondo cui stava per decidere di non andare più all’Inter: “Avevo pensato di non venire più, lo avevo detto anche ad Inzaghi. Non mi è piaciuto avere il dito puntato e sentirmi dire che avevo aiutato il Milan a vincere lo scudetto. Ma ora mi sono creato uno scudo, l’opinione della gente non mi interessa più. Non devo più dimostrare nulla”.

Il riferimento è alla partita dello scorso anno Lazio-Milan all’Olimpico, finita con la vittoria fondamentale del Diavolo in rimonta per 1-2, con il gol decisivo nel finale di Sandro Tonali. Proprio quella rete importantissima era stata propiziata da un errore di Acerbi, che di fatto aveva permesso al Milan di ottenere tre punti fondamentali nella corsa scudetto. Alla fine ovviamente l’ex rossonero ha deciso di andare comunque all’Inter, nonostante qualche critica ingiusta arrivata da qualcuno.

Acerbi
Acerbi (Lapresse)

L’intervista di Acerbi: “Sarei rimasto alla Lazio”

Nell’intervista Acerbi ha poi parlato anche del suo futuro e delle scelte fatte: “Sarei felice se l’Inter mi riscattasse, ma in caso contrario non avrei problemi. Alla Lazio mi trovavo bene, sarei rimasto a vita. Ma sono stato io a voler andar via, ero contento per l’arrivo di Sarri e lui voleva tenermi, ma non mi sentivo adatto al modo di difendere che lui chiede”.