Pioli: “Kjaer e Origi recuperati. Non abbiamo bisogno di fare mercato”

Pioli ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Lecce-Milan: tutte le dichiarazioni del mister rossonero da Milanello.

Il Milan è reduce da due risultati deludenti, il pareggio contro la Roma in campionato e la sconfitta contro il Torino in Coppa Italia. Serve una reazione immediata e la trasferta di domani a Lecce è l’occasione per un pronto riscatto.

Pioli conferenza stampa
Stefano Pioli, conferenza stampa pre Lecce-Milan – MilanLive.it

I campioni d’Italia non possono fallire allo stadio Via del Mare. Sono precipitati a -7 dalla capolista Napoli e sono chiamati a vincere. Un nuovo passo falso rischierebbe di compromettere la corsa verso lo Scudetto della seconda stella. Vero che comunque mancano tante partite alla fine della Serie A, però in Puglia è fondamentale non sbagliare.

Live Lecce-Milan: la conferenza stampa di Pioli

Oggi dalle 14 mister Stefano Pioli parla in conferenza stampa da Milanello. Come sempre, tanti i temi trattati.

Il momento della squadra:Ho letto determinazione, volontà negli occhi dei giocatori. Non abbiamo raggiunto i risultati che stavamo controllando, dobbiamo fare tutti qualcosa in più. Però ho visto voglia di imparare da queste lezioni, dagli errori e di fare di più“.

Situazione infortuni:Il gruppo è forte quando è completo, più siamo e più siamo forte. Giocatori come Zlatan, Simon e Florenzi non sono forti solo tecnicamente, ma anche per la loro leadership. Origi e Kjaer sono recuperati, Rebic viene con noi e potrebbe essere recuperato per la Supercoppa. Gli altri spero a breve“.

Il ritiro:Quando c’è qualcosa che non va, faccio fatica ad aspettare il giorno dopo. Ho preferito parlare subito con loro per spiegare cosa migliorare. Inoltre, c’era bisogno di riposare bene dopo aver fatto i supplementari, così da prepararci meglio alla prossima partita“.

Ancora sul momento della squadra:Siamo delusi e rammaricati per non aver fatto risultati positivi nelle ultime due partite. Non è questione di seconde linee o cambi. Attenzione, determinazione e qualità: ci deve essere qualcosa di più in questi tre aspetti quando controlliamo le partite. Non abbiamo vinto partite in cui tante cose stavano funzionando. Col Torino 36 tiri verso la porta, ma solo 8 in porta. È mancata lucidità. Quando una squadra vuole fortemente un risultato, corre il rischio di essere frenetica. Serve migliorare“.

Aster Vranckx: “Ha ottime qualità, si sta inserendo bene. Avrà lo spazio che gli concederò, come lo concederò a chi sta bene. Cercherò di fare le scelte migliori per mettere in campo la formazione migliore possibile“.

La fame dei giocatori:Non c’è un problema di motivazioni, ma di lucidità e qualità. Per vincere serve aumentare il livello delle prestazioni, soprattutto a livello di qualità“.

Yacine Adli:Non è in difficoltà. Si sta allenando bene, faccio le scelte pensando di mettere i giocatori più funzionali alle singole partite. Lui è stato quello più penalizzato, però non è più indietro di altri“.

Il mercato chiuso annunciato da Maldini:Sapevo di questa situazione. L’unico nostro problema è non avere il gruppo completo. Ho una squadra forte, non c’è bisogno di intervenire“.

La possibile partenza di Bakayoko:Non lo so. Non ci sono novità. È un professionista incredibile, si sta allenando con grande disponibilità“.

Confronto con la scorsa stagione:C’è un occhio più critico quest’anno, perché abbiamo vinto lo Scudetto e abbiamo fatto un ottimo calcio. Quando certe cose vengono meno, si punta di più il dito. Noi stessi vogliamo migliorare e vincere. Le critiche ci stanno per le ultime partite. La stagione è lunga, il campionato non finirà domani. La Supercoppa Italia è un obiettivo, quella dirà qualcosa perché c’è una singola partita. Lecce non sarà decisiva invece. Vogliamo fare meglio dello scorso campionato in termini di punteggio“.

Immagine appesa nello spogliatoio:I grandi obiettivi si raggiungono anche tramite piccoli passaggi. In spogliatoio ho messo la classifica dello scorso campionato dopo il girone d’andata, chiuso a 42 punti“.

Charles De Ketelaere:Ha fatto una buona partita, soprattutto da attaccante. Poi con gli spazi più stretti e la stanchezza si è fatta sentire ha trovato più difficoltà a ricevere pallone“.

Il modulo:Contro il Torino non è stato un brutto Milan. Difensivamente abbiamo lasciato un’occasione in 90 minuti, abbiamo fatto una partita giusta fino alla parità numerica e poi insufficiente. La difesa a tre o a quattro non è così determinante. Io mando in campo una squadra con idee chiare“.

Rinnovo di Ismael Bennacer e altri:Felicissimo per Isma, tutto meritato il contratto che gli ha fatto. È molto ambizioso, i giocatori devono essere così. È umile, sa che deve migliorare. Sono felice anche per il club, che conferma un gruppo e lo porta avanti. Poi spero che arriveranno anche altre buone notizie”.

Sergino Dest:Ha fatto un’ottima prestazione contro un avversario molto fisico. Gli ho detto che l’unico problema che ha è la sua testa, deve rimanere sempre concentrato e applicato oggi giorno perché ha qualità importanti. Può fare meglio partendo basso. Ha intensità e gamba importante, deve determinare anche in fase difensiva. Deve lavorare con continuità, la qualità c’è“.

Spalletti contro Allegri:Due toscani ai quali piace darsi contro. La favorita ora è il Napoli. I 7 punti sono tanti, ma non decisivi. Mi godrò la partita, sarà sicuramente una grande partita“.

La rete in contropiede preso contro il Torino in Coppa Italia:Col Torino uno dei pochi gol subiti in ripartenza. L’altra sera abbiamo aggredito bene e dovevamo fare fallo, non eravamo ben organizzati sulle coperture. Non ci sentiamo in difetto su questa situazione“.

Il Lecce e Lorenzo Colombo:È una squadra in fiducia e sta bene in campo, stanno bene fisicamente e mentalmente. Ci creeranno difficoltà. Colombo sta facendo molto bene. È giovane e sta migliorando, il Milan lo segue con grande attenzione“.

 

A BREVE TUTTE LE DICHIARAZIONI DI PIOLI IN CONFERENZA STAMPA