Milan, non solo Buongiorno: 40 milioni per un altro difensore

Il Milan ha scelto il difensore per la prossima stagione: altro che Buongiorno ma gioca in Serie A e costa 40 milioni

Il contratto in scadenza di Simon Kjaer che con ogni probabilità non sarà rinnovato impone al Milan almeno un acquisto nel reparto arretrato. D’altronde la difesa del Milan non è certo apparsa inespugnabile in questa stagione e per competere ad alti livelli è quasi imperativo rinforzare la terza linea della squadra rossonera.

Milan, non solo Buongiorno
Non solo Buongiorno per il Milan (Ansa Foto) – Milanlive

In attesa di scoprire chi sarà il nuovo allenatore dei rossoneri, dato per scontato l’addio a Stefano Pioli, sono già diversi gli elementi su cui sono in fase di ragionamento in via Aldo Rossi. Tra questi c’è sicuramente Alessandro Buongiorno, trattato anche in inverno, con il “no” categorico di Cairo a bloccare sul nascere ogni tipo di trattativa.

Non solo il granata nonché nazionale di Spalletti. La dirigenza rossonera lavora anche su altri profili che conoscono a menadito la Serie A. Tra questi c’è anche Jhon Lucumi, uno dei calciatori di maggior impatto con la maglia del Bologna in questa stagione.

Milan, sfida ad Atletico e Manchester per il difensore

Stando a quanto afferma As, però, la concorrenza sul centrale è decisamente folta. Non solo il Milan, infatti, si è accorto delle potenzialità del centrale, ma in Serie A anche Juventus ed Inter hanno messo gli occhi sul centrale.

Lucumi obiettivo Milan
Jhon Lucumi nel mirino del Milan (Ansa Foto) – Milanlive

Lucumí, però, è entrato nei radar anche di sue superpotenze del calcio europeo: ci riferiamo al Manchester United, chiamato ad una ennesima rivoluzione, ed all’Atletico Madrid. Simeone, dopo una stagione in chiaroscuro dei colchoneros, è pronto a rimpastare la rosa ed ha nel mirino proprio il difensore che ha fin qui offerto prove solide.

Il Bologna, però, non ha necessità di vendere né vuole smantellare la squadra, soprattutto in caso di qualificazione alla prossima Champions League. Ecco perché per il colombiano i felsinei chiedono almeno 40 milioni di euro, una cifra importante che può essere di difficile raggiungimento soprattutto per i club italiani.

Classe ’98, Lucumí è ben strutturato fisicamente grazie ai 187 centimetri di altezza: di piede sinistro, può agire sia sul centrodestra che sul centrosinistra in uno schieramento a quattro. In questa stagione ha disputato 23 gare di Serie A – oltre 1.600′ all’attivo – e due di Coppa Italia ed ha offerto un rendimento sempre ben oltre la sufficienza.

Il suo contratto è in scadenza nel 2026. questo permette al Bologna di non dover essre costretto a cedere a tutti i costi il calciatore.

Impostazioni privacy