MILAN PRIMO PRIMATI-Nel campionato “zeru tituli”, come lo avevamo definito a fine maggio, può accadere di tutto. Anche, per esempio, che la prima in classifica, il Milan, sia una capolista “senza primati”. Ha più punti di tutti ma, a differenza di quanto accade nei principali campionati europei, niente altro. Non ha, in altre parole, il miglior attacco, non ha la miglior difesa e non ha il capocannoniere. Una rarità in confronto a quanto accade in Spagna, Germania, Inghilterra e Francia.

Ma andiamo con ordine. Milan senza primati dicevamo. Analizzando i campionati esteri più importanti – Premier, Liga, Bundesliga e Ligue1 – salta subito all’occhio un dato: le prime sono prime quasi in tutto.

In Inghilterra il Manchester United ha il miglior attacco del campionato (35 gol fatti), il capocannoniere (Berbatov, 11 reti) e la terza miglior difesa (16) alle spalle degli “italian team” di Ancelotti (10 reti) e Manchester City (12).

In Spagna il Real Madrid di José Mourinho è perfino più ingordo: miglior attacco insieme al Barcellona (33 gol), difesa meno battuta (6 reti) e, manco a dirlo, capocannoniere (Ronaldo, 14 gol).

Il bomber è la sola lacuna del Borussia Dortmund in Germania. La capolista della Bundesliga, infatti, può vantare una linea offensiva unica (35 reti) e una difesa di ferro (9 gol subiti). In Ligue 1 in testa sono in due, Marsiglia e Lille, e, ovviamente, sono loro due a dividersi il primato dei gol fatti (25 a testa, pochini per la verità). Difesa e bomber non reggono il passo ma, e il dato non è da sottovalutare, il campionato francese è quello più incerto e anche meno qualitativo tra i più importanti d’Europa.

E veniamo quindi ai “problemi” di casa nostra. Il Milan, 23 gol all’attivo, ha il terzo attacco del campionato dietro a Juventus (26) e Palermo (25). Le difese meno battute sono quelle di Lazio, Inter e Chievo, tutte con 11 reti al passivo. I rossoneri, a 12, tengono botta. I capocannonieri della A sono Eto’o e Cavani (9 gol). Per trovare il primo rossonero, Ibrahimovic, bisogna scendere di due gol e altre tre posizioni. Insomma, Milan primo senza “primati”. Almeno per ora.

Fonte : sportmediaset.it