Gli unici campioni sono i rossoneri!

SUPERCOPPA ITALIANA, MILAN-INTER IL 28° TITOLO E’ ROSSONERO – Fischio di inizio, ora bisogna lottare al 110%. Provano a raggiungere la porta di Julio Cesar ma la difesa dell’Inter è ancora impenetrabile e il pressing continua ad essere molto alto, grande ampiezza d’azione e il Milan rimane schierato in difesa sperando nel contropiede. Nel rattempo Pato si scalda, potrebbe essere il primo cambio di Mister Allegri. L’aggressività è ancora molto alta da parte di entrambe le formazioni, il Milan sembra un po’ più presente rispetto ai primi 35 minuti del primo tempo. Seedorf prova la conclusione su passaggio di Robinho ma sfiora l’esterno del palo e il pareggio non arriva nemmeno in questo caso, il Milan si è ripreso, trova i giusti spazi e aprono la speranza. obi cade a terra bloccato dai crampi, viene chiamata la lettiga ma si rialza, per il momento rimane in campo. Bellissima azione del Milan con Robinho e l’inserimento di Ibrahimovic senza palla in area, Samuel lo mette a terra ma Rizzoli non fischia il rigore. Al 59′ entra Pato al posto di Robinho. Finalmente al 61′ arriva il pareggio grazie a una manovra perfetta del Milan conclusa con un assist precisissimo di Seedorf per Ibrahimovic che segna di testa, l’Inter protesta per un presunto contrasto in area di rigore ma il gol è regolare e la partita si riapre. Ibrahimovic non tradisce mai e Seedorf dimostra di essere un grandissimo giocatore. Altra bella occasione di Pato e Ibrahimovic ma il guardalinee fischia il fuorigioco dello svedese. Ammonito anche Zambrotta per fallo su Ranocchia. E’ decisamente un altro Milan rispetto al primo tempo. Adesso è Gasperini ad arrabbiarsi molto con i suoi ragazzi mentre il Milan continua ad attaccare. Al 69′ Boateng arriva al raddoppio sul rimpallo causato dal palo pieno colpito da Pato, i ragazzi sono tornati quelli dello Scudetto 2011, sono decisamente perfetti adesso. Al 73′ calcio di punizione a favore del Milan, si prepara Pato, la tensione è alta e anche la palla finisce altissima sopra la traversa. Esce Gattuso ed entra Ambrosini. Al 76′ viene ammonito anche Boateng per fallo su Sneijder. L’Inter inizia a fare fatica a trovare spazi giocabili, il Milan regge il gioco. Sta per arrivare la terza sostituzione rossonera, entra Emanuelson al posto dell’ammonito Boateng. Adesso non bisogna abbassare il tiro, rimanere alti e veloci perch l’Inter non si è rassegnata e la qualità è alta quindi non bisogna addormentarsi. Rizzoli ammonisce anche Ambrosini per fallo su Thiago Motta anche se il fallo non sarebbe stato da cartellino giallo. Sono 5 i minuti di recupero assegnati da Rizzoli, l’Inter sembra essersi addormentato, rassegnato, proprio ora che ci si aspettava una reazione, il Milan invece insiste, il 28° titolo in 25 anni si avvicina. Samuel Et’o cerca il pareggio, la difesa del Milan pare essersi un po’ seduta e l’Inter riesce a trovare la porta ma il camerunese è in fuorigioco e il gol è annullato e il trofeo è tutto rossonero!!! Grandi ragazzi…

Arianna Forni, Direttore – www.milanlive.it